Formazione, le sfide per le imprese che mirano con “In Alto” alla digitalizzazione del commercio elettronico

Oltre ottanta aziende hanno aderito al Piano formativo IN ALTO, giunto alle battute finali, che presenterà i risultati della ricerca, lunedì, 21 marzo, alle 15, all’Hotel Plaza di viale Ruggero di Lauria a Catania, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale alla Formazione, Bruno Marziano e il direttore area Formazione di Fondimpresa, Amarildo Arzuffi.

Il piano IN ALTO, studiato dalla società Civita srl, finanziato da Fondimpresa, il più importante fondo interprofessionale costituito da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, è stato sviluppato su precise aree tematiche quali, la digitalizzazione dei processi aziendali, il commercio elettronico e l’internazionalizzazione, mettendo in evidenza la rilevanza del “lavoro competente” quale vettore di competitività delle imprese.

Ad aprire i lavori sarà Antonella Rizza di Civita, mentre i risultati dell’ attività di formazione rivolta i dipendenti delle aziende aderenti al piano, saranno illustrati dalla responsabile Civita, Nanda D’Amore. Interverranno, inoltre Giovanni Di Stefano, direttore Comunicazione e Marketing Consorzio Etna Hitech, sul tema “la digitalizzazione come leva di sviluppo delle PMI”, Roberta Messina, esperta marketing internazionale e Fabrizio La Barbera, esperto internalizzazione d’impresa, sul Caso Cina: “le nuove opportunità per le imprese locali”.

Quattro imprenditori racconteranno la loro storia di successo: Gina Russo, delle omonime Cantine di Castiglione di Sicilia, Ciro Balzano, direttore dell’hotel Villa Experia di Taormina, Luca Trovato, general manager dell’hotel Plaza di Catania e Andrea Graziano, ristoratore il Sale Art Cafè, e ideatore del progetto Fud.

L’analisi dei fabbisogni ha fatto emergere come uno dei principali fattori di successo di questi progetti e interventi sia la disponibilità di risorse umane adeguate. L’esperienza, la professionalità, la qualificazione, la mentalità delle risorse umane coinvolte nel processo di sviluppo di questi progetti sono aspetti rilevanti, tanto nel determinare la spinta iniziale alla loro adozione, quanto nella fase di implementazione e consolidamento.

Il Piano formativo IN ALTO si è posto l’obiettivo principale di supportare le imprese nello sviluppo di progetti per la competitività aziendale attraverso il potenziamento e il rinnovamento delle competenze delle proprie risorse umane, quale elemento determinante del vantaggio competitivo delle imprese e dei territori.

In questo modo, il piano formativo IN ALTO ha saputo fornire un apporto significativo allo sviluppo delle imprese beneficiarie, promuovendo innovazione, rafforzando la capacità di operare sul mercato internazionale e supportando la crescita dimensionale delle imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*