L’Elefante incollerito di piazza Duomo: “La colpa è di l’omu ‘gnuranti, di l’omu ca non studia la nostra storia”

Il Liotru a piazza Duomo

Stamattina scendendo in piazza Duomo, ho visto il nostro Liotru, ossia l’Elefante do Chianu, pigghiatu di collira – “Chi fu? Chi successi?” – ci dissi – “Ah comu, nenti sai?” – m’arrispunniu – “Ci rumpenu a zanna a mè fratuzzu da piazza della Minerva a Roma, oramai ppi nuatri monumenti e simboli di l’arti, non c’è cchiù rispettu!” – “Hai ragiuni” – ci arrispunnii – “Ma di chi è la colpa?” – “La colpa è di l’omu ‘gnuranti, di l’omu ca non studia la nostra storia e lu nostru passatu, di l’omu ca pensa ca semu sulu simboli di nuzza importanza, misi ‘nte chiazzi ppi abbellimentu comu putissi essiri un’acchiaggiatu ‘o ‘n’arvulu di natali.”

L'Elefante danneggiato a Roma
L’Elefante danneggiato a Roma

“E allora che cos’è un monumento?” – gli domandai. – “Un monumentu” – m’arrispusi – “è l’esaltazioni visiva di una idea e di un pensiero politico-artistico che si trasforma in forma, e tale forma, se resiste nei tempi, comu a mia per esempiu ca haju quasi du’ mila anni, è capaci di trasmettiri ai futuri uomini, la civiltà che abbiamo rappresentato al momento della nostra creazione, noi monumenti siamo i testimonii d’un passato glorioso che tutti ci invidiano.” – “Va bene” – gli dico io – “ma a Catania, fortunatamente, a parte qualche caso isolato, di atti vendalici clamorosi, non se ne hanno notizia, i monumenti vengono da tutti rispettati.” – “A tia ti pari” – mi dissi ‘u Liotru –  “ ‘u sai quanti monumenti sunu lassati all’incuria do tempu? Ti nni citu sulu alcuni: l’anfiteatru da piazza Stesicoro, ‘u tiatru grecu, l’odeon, a villa Bellini e macari ‘u monumentu a Bellini da porta Jaci.” – “Comu” – cci dicu ju – “macari ‘u monumentu a Billini? Ma si è misu ddà, beddu assittatu ‘nta seggia ccu tutti i palummi ca cci volanu attornu?” – “Eppuri si lamenta” – m’arrispunniu – “pirchì cci sunu troppu palummi ca lu cacanu di la testa ‘e peri e quasi mai veni lavatu di ‘na squadra di pulizieri comunali. Chistu è chiddu ca mi riservanu i catanisi, ju voldiri li fici canusciri ‘ndo munnu ccu la mè miludiusa musica, e iddi mi ricumpensanu inchennumi di cacca palummesca! Dici beni lu pruverbiu anticu: cu’ si metti che’ picciriddi ‘a latu, ci finisci pisciatu e cacatu!”. Cittadini…Evviva Catania!!

Turi Giordano
Turi Giordano

Turi Giordano, regista, autore ed attore, è un fine conoscitore della realtà teatrale catanese e siciliana in genere, appassionato ricercatore ed indagatore di storia del teatro. Negli anni si è sempre interessato di teatro andando a scovare in biblioteca, tra vecchie carte, testi nuovi o poco rappresentati, scrivendo, recitando e dirigendo lavori teatrali messi in scena con successo. Questo ed altro, accompagnato da una innata allegria e spiritosaggine alla catanese.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*