Consorzio per il Trasferimento Tecnologico C2T, a Palazzo Porto un nascente polo della ricerca e dell’innovazione tecnologica

Aperta a gennaio in piazza Cavour la sede catanese del Consorzio per il Trasferimento Tecnologico C2T con lo scopo di creare un hub di eccellenza nell’ambito della Ricerca & Sviluppo, specialmente nel settore informatico e tecnologico, valorizzando le sinergie con le altre aziende insediate nello storico palazzo liberty del centro città, già cuore delle attività finanziarie e imprenditoriali catanesi.

Un solido principio: la valorizzazione del territorio catanese e del suo tessuto imprenditoriale, attraverso una base operativa di riferimento per il mercato locale e dei paesi del Mediterraneo. Su questo si basa l’apertura, avvenuta a metà gennaio, della nuova sede del Consorzio no-profit C2T nel centro di Catania, una città diventata in questi ultimi anni un grande polo di innovazione culturale e sociale. A stimolare questa scelta da parte della realtà consortile milanese, attiva nel campo della ricerca e del trasferimento tecnologico, anche la presenza storica a Catania di un’azienda operante nel terziario avanzato (Sibyl, consulenza IT) che ha contribuito alla costituzione del Consorzio e che ha valorizzato in loco gli ingenti investimenti regionali e privati allocati nei domini dell’informatica e dell’ingegneria.

Gli sviluppatori Loredana Facciolà e Giuseppe Milazzo, negli uffici di Palazzo Porto

Azioni che sono state seguite negli anni da altri partner, fra cui I-One (printing on demand), e che hanno portato all’assunzione a tempo indeterminato complessivamente di diciotto fra ricercatori, tecnici e consulenti, tutti originari della Sicilia. La scelta di avere sede presso Palazzo Porto da parte di tutte le aziende coinvolte ha così permesso che si andasse a costituire nel cuore della città un polo di eccellenza integrato nell’ambito dell’innovazione, della tecnologia e della ricerca. L’apertura di una sede catanese accompagna e sottolinea la continua crescita di C2T su molteplici fronti: dall’integrazione di risorse di talento fortemente motivate, all’aumento del proprio impegno sul mercato attraverso investimenti e strategie che possano essere vincenti rispetto ai futuri scenari disegnati dalla mutevole situazione economica e dall’evoluzione della tecnologia.

«In linea con la filosofia di impresa sociale che muove C2T – spiega l’amministratore Amir Topalović – si è voluto dare una maggiore opportunità al personale umano altamente qualificato di origini siciliane di lavorare con rapporti di lavoro stabilizzati senza dover migrare fuori regione e allo stesso tempo limitare il problema del turnover di personale. A queste motivazioni, si sono aggiunte le caratteristiche professionali e l’esperienza lavorativa dei primi due collaboratori catanesi assunti da C2T, Loredana Facciolà e Giuseppe Milazzo. Entro la fine del 2017, il Consorzio svilupperà in loco un organico di almeno cinque collaboratori.»

IL CONSORZIO C2T

Il Consorzio per il Trasferimento Tecnologico C2T nasce nel 2012 a Milano, con lo scopo di fornire supporto nell’elaborazione di progetti in materia di Ricerca & Sviluppo. Il trasferimento tecnologico è un’attività di collegamento che permette di trasferire conoscenze, tecnologie, competenze, metodi di fabbricazione e servizi dall’ambito dello studio e della ricerca a quello del mercato, al fine di trasformare le idee innovative in realtà. Esso quindi garantisce che gli sviluppi scientifici e tecnologici siano accessibili a una vasta gamma di utenti. L’obiettivo di C2T è infatti quello di favorire e incentivare l’innovazione presso le aziende di tutte le dimensioni, supportando al contempo i ricercatori che vogliono spendere la loro competenza anche al di fuori del mondo accademico. Per fare questo, il Consorzio ha creato anche un innovativo strumento per promuovere l’integrazione dei ricercatori nelle imprese tramite un rapporto diretto e personale fra le parti, Find Your Doctor. La costituenda startup innovativa a vocazione sociale è stata concepita ad hoc in risposta a due principali problematiche, la difficile transizione dei dottori di ricerca fuori dall’accademia, resa necessaria dall’impossibilità per le università di assorbire tutte le risorse che forma, e la difficoltà delle imprese (soprattutto PMI) nel fare innovazione.

LA SEDE CATANESE

Situata nel cuore pulsante della città, la sede catanese di C2T si trova all’interno di Palazzo Porto-Sollima, una dimora nobiliare liberty dei primi del ‘900 posta ad angolo tra piazza Cavour e via Consolazione. Un luogo dove flessibilità e collaborazione si combinano con la cultura aziendale di C2T orientata all’innovazione tecnologica e all’attenzione alla persona. L’ambiente interno è infatti quasi più vicino a quello domestico, nella convinzione che i luoghi di lavoro, dove le persone passano la maggior parte della propria giornata, debbano saper coniugare funzionalità e comfort, essendo l’ufficio anche luogo di socialità oltre che produttivo.

«Con questa nuova apertura – afferma il direttore Gualtiero Cortellini – vogliamo essere sempre più vicini ai nostri clienti, ai partner e ai cittadini di una delle più vivaci città italiane ed europee. Il Consorzio ha registrato una crescita strutturale e un rapido sviluppo che hanno presto reso necessaria la ricerca di una sede in Sicilia, che si affianchi a quelle lombarde. La scelta di portare gli uffici nel cuore di Catania è strettamente collegata alla nostra mission, in un’ottica di rafforzamento dell’identità di una comunità industriale, quella catanese, caratterizzata da grande visione e concretezza, creatività, sperimentazione, innovazione.»

Oltre ai già citati Topalović, Cortellini, Facciolà e Milazzo, fanno parte del team di C2T e Find Your Doctor anche Eva Ratti, Ivano Ciceri, Claudia Spreafico, Valeria Ferro, Chiara Redaelli, Paolo Cataldo, Tom Guarracino, Vincenzo Vairo, Antonia Azzini, Andrea Galimberti.

Ulteriori informazioni su C2T e Find Your Doctor sono disponibili agli indirizzi www.consorzioc2t.it e www.findyourdoc.org.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*