Fashion, ef+facto presenta la capsule collection “Food&Flowers” per la Primavera – Estate 2017

Luminosa, colorata, vitaminica e interamente realizzata in Italia con tessuti naturali: Food&Flowers è la nuova collezione ef+facto per la primavera estate 2017. Creata dall’estro della fashion designer Lorena Meyer, Food&Flowers presenta capi d’abbigliamento in tessuto di fibra di legno realizzato e stampato in Italia. Mini-abiti, camicette, pantaloni a palazzo, bluse e vestiti lunghi che riproducono con grande energia creativa fantasie gipsy-chic, per una donna decisamente glam che non rinuncia a un outfit ricercato.

Il taglio degli abiti alterna linee morbide a tratti geometrici, più decisi e intensi, mentre le sfumature orientali sposano perfettamente il tema floreale. Denso ed etereo, geometrico e irregolare, materico e diafano: gli opposti trovano nella collezione Food&Flowers un perfetto equilibrio. La palette cromatica vede l’uso del bianco abbinato a tinte accese e intense, con ampio uso del porpora, colore di tendenza 2017.

Tutti i capi della collezione sono realizzati in tessuto di fibra di legno, un materiale innovativo e naturale al 100%. Di origine italiana e derivante dal legno di betulla, la fibra di legno è altamente traspirante, in grado quindi di trattenere l’umidità, donando una particolare sensazione di freschezza a contatto con la pelle e risultando particolarmente morbida e setosa. Per un lusso esclusivo ma rispettoso dell’ambiente.

Sartorialità, artigianato e valori etici trovano quindi un connubio perfetto in Food&Flowers, in cui la scelta creativa del cibo unito ai fiori è l’espressione tangibile della rivisitazione in chiave moderna di una pittura di altri tempi, di una rinascita espressiva che non dimentica le origini ma le esalta in una fusione perfetta di forme e colori.

La collezione vanta una produzione tutta italiana e il processo di stampa del tessuto, che avviene in digitale per una nitidezza ancora maggiore di disegni e cromie, risparmia circa il 50% di acqua rispetto alla stampa tradizionale.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*