Il 4 Settembre alla Villa Bellini di Catania si presenta “Micio Tempio (vietato ai minori)”, prodotto da “Le Nuove Muse”, in scena il 9 a Zafferana Etnea

Lunedì 4 Settembre, alle ore 10:30, nel chiostro della musica della Villa Bellini di Catania si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’opera teatrale “Micio Tempio (vietato ai minori)”, prodotta e organizzata dall’Associazione Culturale “Le Nuove Muse”, che esordirà sabato 9 Settembre, alle ore 21:00, all’Anfiteatro “Falcone-Borsellino” di Zafferana Etnea. L’opera, nata da un’idea di Piero Lipera, scritta e diretta da Rosario Minardi e Marco Tringali, assistente alla regia Donatella Marú, direzione di scena Stefano Bambino, verrà interpretata dagli attori Giuseppe Castiglia, Rosario Minardi, Rossana Bonafede, Luana Toscano, Antonio Caruso, Santo Santonocito e (Lara Marta Russo, Antonio Starrantino, Giovanni Bonaventura, Raimondo Catania, Seby Cantarella, Giusy Allegra Filosofo, Grazia Ercolano, Carolina Pulvirenti, Daniele Puglisi).

L’intento  dello spettacolo è quello di svelare qualche dettaglio in più della vera storia del poeta e scrittore catanese Domenico Tempio – meglio conosciuto come Micio Tempio – per correggere e ampliare la “leggenda” che  di lui si narra, senza che un giudizio superficiale e affrettato possa minimizzare la sua figura o la sua opera.  L’opera teatrale, rappresentazione biografica della sua vita, ambientata  tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800, con costumi dell’epoca, divertirà il pubblico con momenti di comicità legati all’interpretazione delle più sfrenate fantasie d’amore dei suoi versi licenziosi ai limiti del pornografico il tutto contornato da un elevato interesse artistico e storico.

Durante la conferenza stampa di lunedì mattina interverranno le rappresentanti dell’Associazione “Le Nuove Muse” Giusi Manna e Simona Di Bella, i registi Rosario Minardi e Marco Tringali, gli attori Giuseppe Castiglia, Rossana Bonafede, Luana Toscano, Antonio Caruso, Santo Santonocito insieme ad altri attori coinvolti all’interno dell’opera teatrale.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*