“Ti attraverso”, primo brano del nuovo album di Colapesce arrangiato e prodotto con Iosonouncane e Mario Conte

Colapesce

Che Colapesce stesse lavorando al suo nuovo disco era cosa nota, ma fino a qualche giorno fa era impossibile ipotizzare che il ritorno sulle scene fosse così imminente.

A rompere il silenzio è arrivato un post su Facebook pubblicato lo scorso venerdì 1 settembre che annunciava l’uscita di una nuova canzone prevista per il 6 settembre, proprio nel giorno in cui Lorenzo compie gli anni.

E così “Ti attraverso” è arrivata ieri a mezzanotte, proprio nell’ora in cui arriva la torta e si spengono le candeline, su Spotify, Apple Music e gli altri store digitali.

Del nuovo album non si conosce ancora titolo e data d’uscita, ma Lorenzo ha cominciato passo dopo passo a svelare i primi tasselli fondamentali: “Ti attraverso”, come tutto il resto del disco, è stata scritta dal cantautore siciliano per essere poi arrangiata e prodotta insieme a Jacopo Incani (meglio noto come IOSONOUNCANE) e Mario Conte.

Il sodalizio tra Jacopo e Lorenzo, due dei migliori musicisti e scrittori di canzoni di nuova generazione, è totalmente inedito e nato da una profonda amicizia.

La stessa che lega Lorenzo a Mario Conte con cui aveva già collaborato per “Egomostro”, il disco del 2015. L’album è stato poi registrato e mixato insieme a Giacomo Fiorenza agli Alpha Dept Studios, dove poi Andrea Suriani si è occupato del mastering, dando vita a tutti gli effetti a un vero e proprio dream team, arricchito ulteriormente dalla presenza di Fabio Rondanini che ha suonato la batteria in “Ti attraverso” e nelle altre canzoni del disco.

Lo stesso Colapesce ha raccontato così la genesi del brano:

“Ti attraverso ha avuto una genesi lunghissima: ricordo di avere incominciato a scrivere la strofa, su un pianoforte scordato che avevo trovato in un appartamento a Milano, circa tre anni fa, e poi basta.

Per un anno non sono stato in grado di svilupparla in alcun modo, fino a quando con una vecchia chitarra anni’30 accordata in DO e comprata per 80 euro al Baloon di Torino, ho scritto il ritornello. Poi basta per un altro anno.

Non sono mai riuscito a sbloccare le strofe anche se avevo in mente come dovevano essere: due fiumi di portata diversa che alla fine del brano sarebbero dovuti confluire nello stesso mare.
È stata parcheggiata lì, fin quando un giorno, in dieci minuti, ho scritto di getto tutto il testo.

Tutto.
Tre anni di pensieri sintetizzati in una paginetta di quaderno a righe.
Una fumata bianca dopo mille nere, e non certo per sfinimento, ma per amore a prima vista.
Le parole sono come i volti: a volte te ne innamori subito, messe in fila possono creare vuoti, aspettative, tirano le somme per te, fanno paura, fanno riflettere e ridere e a volte fanno male, ma non ti lasciano mai da solo. Come le canzoni.”

 

Link per ascoltare “Ti attraverso”:

Spotify: http://spoti.fi/2iZQlfF

Apple Music: http://apple.co/2w4hrDF
Deezer: 
http://www.deezer.com/it/album/46688152

Google Play: http://bit.ly/2vJWhiO

Bio Colapesce:
Dopo aver vinto il Premio Tenco del 2012 per la miglior opera prima con il suo album d’esordio, “Un meraviglioso declino”, Lorenzo Urciullo ha continuato a stupire grazie al suo immaginario sempre in bilico tra raffinata canzone d’autore, pop e sperimentazione.
Inquieto per definizione, non ama mai ripetersi: dopo “Egomostro”, nel 2015, ha scritto insieme ad Alessandro Baronciani la graphic novel “La distanza”, pubblicata da Bao Publishing.
Un successo su tutti i fronti a cui è seguito un tour di più di 50 date, molte delle quali sold out, in cui i brani del suo repertorio venivano eseguiti in forma acustica e accompagnati dalle illustrazioni in tempo reale proprio di Alessandro Baronciani.

Nel 2016 ha messo in piedi lo spettacolo, presentato in anteprima al Romaeuropa Festival, dedicato alla sonorizzazione delle immagini del regista Vittorio De Seta, il padre del documentarismo italiano. Per il teatro ha curato le musiche dello spettacolo: “Vita straordinaria ri Don Giuanni Grasso – Lu grandi atturi ca pattennu ri Catania furriau lu munnu” scritto da Marcello Cappelli e Lucia Sardo. Come produttore, tra le altre cose, ha lavorato all’album Antico del grande tamburellista Alfio Antico, vera leggenda della musica etnica italiana. Nel 2013 è stato citato dal popolare quotidiano inglese The Guardian come esempio di musica italiana da esportazione. In precedenza era finito su NME come uno dei migliori prodotti pop in lingua non anglofona di Europa.

Le Monde gli ha addirittura dedicato una pagina definendolo come il più credibile erede di Lucio Dalla e Franco Battiato e inserendo “Egomostro” tra i migliori dischi del 2015. Collabora regolarmente, in veste d’autore, con nomi noti del pop italiano.
Lo scrittore Francesco Pacifico, su IL de Il sole 24 ore, lo ha definito: “… una specie di David Byrne siciliano”. Lorenzo si è messo a ridere e non gli ha creduto.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*