Applaudito concerto Natalizio al Sicilia Outlet Village di Agira dell’Orchestra Sinfonica Catanese

Nel piazzale interno Eventi del <Sicilia Outlet Village> -in contrada Mandre Bianche di Agira, il più grande outlet dell’isola, in un’area dell’entroterra siciliano che domina il lago di Pozzillo, l’Orchestra Sinfonica Catanese, composta da ben trentacinque elementi, ha eseguito un Concerto Natalizio, secondo un nutrito ed impegnativo repertorio lirico-sinfonico, diretto magistralmente dal prof. Fabio Raciti, violinista e apprezzato direttore d’orchestra, con elegante e ben calibrata gestualità, che ha coinvolto il numeroso pubblico presente attorno al monumentale e luminosissimo albero di Natale.

Ha aperto il programma l’ouverture di “Norma” del Cigno catanese, seguita dalle melodiose arie di “Deh Vien alla finestra” dal “Don Giovanni” di Wolfang Amadeus Mozart con la potente voce del baritono Salvo Todaro, il “Duetto giocoso-buffo di due gatti” di Gioacchino Rossini, con le dolci voci del soprano Marilena Arena e del mezzosoprano Patrizia Perricone. Sempre affascinante e struggente l’intermezzo di “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni assieme al “Pizzicato a Sylvia” di Delibes.

Non sono mancati i brani della tradizione corale e musicale del gioioso tempo di Natale secondo la liturgia cattolica: il misterioso e sempre anonimo canto degli angeli di Betlem “Adeste Fideles”, l’italianissimo “Tu scendi dalle stelle” di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, vescovo e dottore della Chiesa,”Wite Cristsmas” e “Stille Nacth”, il celeberrimo “Bianco Natale”.

Il m° Raciti si è detto molto contento degli omaggi che ha ricevuto la sua grintosa e ben composta orchestra che è riuscita -dulcis in fundo- a scaldare gli entusiastici spettatori con gli intramontabili grandi valzer e polke viennesi dell’austriaco Johann Strauss: “Tritsch Tratsch Polka”, “Pizzicato Polka”, nonché le musiche fantastiche e sublimi di “Sangue Viennese”, “Rose del Danubio”, “Voci di Primavera”, con il trionfale finale suscitato dalla “Marcia” di Radetzky.

 Antonino Blandini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*