Furti tombini nel quartiere di Nesima, consigliere comunale Maurizio Mirenda: “Servono maggiori controlli”

Tombini di cemento, o realizzati con materiali meno costosi rispetto al metallo, e controlli delle forze dell’ordine. Questi gli interventi richiesti dal consigliere comunale Maurizio Mirenda, per fermare questa terribile piaga dei furti di caditoie nel quartiere di Nesima. Sparizioni continue che rischiano di mettere in ginocchio l’intero territorio. L’ultimo episodio sul viale San Pio X lungo la strada che porta alla circonvallazione o al viale Mario Rapisardi. Una situazione estremamente pericolosa per la mobilità cittadina aggravata dal fatto che le buche vengono riempite dai rifiuti lasciati lì dai soliti incivili con il risultato di riempire la via di microdiscariche abusive aggiungendo altro degrado a quello preesistente. A questo bisogna considerare il rischio di possibili incidenti stradali soprattutto la sera. Le transenne, posizionate dagli operai comunali per segnalare il pericolo, ovviamente non possono rappresentare una soluzione definitiva. “Da qui la mia proposta – spiega Mirenda –di sostituire i tombini di ghisa con chiusini in cemento o realizzati con altri tipi di materiali più economici e, quindi, meno appetibili per i ladri. Non solo, in questo contesto occorre salvaguardare i tombini che ancora restano al loro posto potenziando i controlli delle forze dell’ordine”. 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*