“Il Maciste di Porta Pila” di Andrea Biscaro racconta l’8 giugno a Catania il mito di Gioacchino Marletta

Venerdì 8 giugno a Catania sarà dedicato un appuntamento all’insegna del mito di Gioacchino Marletta, in arte Maciste, il “Re”, nato e cresciuto a Catania, nel quartiere di San Cristoforo, e uno di quei personaggi famosi della città negli anni ’60. Saltimbanco e artista di strada “Jachino”, metteva in scena spettacoli con prove di forza nelle piazze del centro sollevando un enorme masso, una basola di pietra lavica, e invitando poi il pubblico a fare altrettanto. Soltanto così, infatti, secondo lui si poteva dimostrare di essere “veri uomini”, liberi e senza padroni. Ma d’un tratto, però,  Maciste scomparve dalla città e nessuno a Catania ebbe più sue notizie.

A svelare il mistero sarà Andrea Biscàro, scrittore torinese, che nel suo libro “Il Maciste di Porta Pila” ha raccontato di un Gioacchino Marletta emigrato dal sud per fare spettacoli di strada a Torino, durante il periodo dell’industrializzazione della città piemontese. Oltre la storia Biscàro documenta nel suo romanzo anche il fenomeno esplosivo di immigrazione e del rapporto di convivenza tra i meridionali che si trasferivano in massa  al nord per lavorare in fabbrica e la popolazione locale.

Il libro, edito da Neos Edizioni, sarà presentato dall’autore venerdì 8 giugno alle ore 18.00, presso la Bibliotecsa Gian Battista Scidà del G.A.P.A. in Via Cordai 47, sull’onda del Maggio dei Libri catanese. L’Evento, gratuito e con il patrocinio gratuito del Comune di Catania, prevede anche  performance e proiezioni. Parteciperà all’incontro anche il Musicista Cantautore catanese Vincenzo Spampinato che ha dedicato una delle sue canzoni proprio a Maciste.

A Torino Gioacchino Marletta si faceva chiamare Maurizio e ha recitato in alcuni film diretti da Pasolini, Squitieri e Scola.A dicassette anni dalla sua morte, il Cimitero Monumentale di Torino gli ha dedicato una targa alla memoria come personaggio illustre di spettacoli di strada, in segno di riconoscimento.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*