Approda a Catania il 4 e 6 Agosto il festival itinerante “C’est la Goutte d’eau”

C'est la Goutte d'eau
Approda a Catania il festival itinerante “C’est la Goutte d’eau” con due appuntamenti sul tema della solidarietà e del Mare Mediterraneo: sabato 4 Agosto al Porto di Catania (banchina 19) lo spettacolo teatrale “Eclaboussure”, ispirato al naufragio del 3 Ottobre 2013 nel mare di Lampedusa; lunedì 6 agosto da SpiazZo, lo spazio all’aperto di Zo centro culture contemporanee, gli incontri culturali (workshop di scrittura di messaggi in bottiglia, proiezione di documentari sul tema del mare e della solidarietà, dibattiti e mostra “La memoria in movimento: ieri, oggi, domani”). 
 
Nel mese di Agosto 2016, a bordo dell’Aquarius di SOS Mediterraneo, nave impegnata nel salvataggio dei rifugiati al largo della Libia, Mandine Guillaume e Emilien Urbach hanno avviato il processo di Scrittura teatrale in barca “C’est la Goutte d’eau”. 
Due anni dopo salgono a bordo della loro barca a vela, “L’Hétérotope” per un viaggio lungo cinque mesi. Si parte da Port de Bouc, vicino a Marsiglia, per raggiungere il mar Egeo facendo scalo a Menton, Genova, Palermo, Catania, Elefsina e infine Lesbos; un’opportunità unica di incontri umani, culturali e artistici.
Un festival itinerante. I moli del mar Mediterraneo sono lo spazio scenico della scena teatrale.Il mare è spazio pubblico.
 
Sabato 4 Agosto – ore 21.00
Porto di Catania / Banchina 19
 
“Eclaboussure”  

di Mandine Guillaume e Emilien Urbach
con Kostadis Mizaras, Pierre-Alain Mannoni, Mandine Guillaume e Emilien Urbach.

Al largo di Lampedusa un uomo e una donna chiedono aiuto. Lei è incinta e sul punto di partorire. Avvenne il 3 ottobre 2013, al momento del primo naufragio di Lampedusa che provocò la morte di 366 migranti. I soccorsi in mare furono insufficienti e nessuno venne in aiuto ai futuri genitori. Si ritrovarono bloccati su un molo del Mediterraneo. Il loro bambino si rifiutava di venire al mondo. 
Da allora ogni giorno, l’uomo ritorna in mare e porta delle bottiglie. Contengono messaggi di richieste di aiuto e le speranze delle persone che li hanno spediti. Lei li legge, ricostruendo messaggio dopo messaggio, l’odissea di un’altra coppia di innamorati, separati sulla via dell’esilio. 
 
Lunedì 6 Agosto – ore 18.00
SpiazZo / Zo centro culture contemporanee
 
“Criée culturelle”, appuntamento ludico-artistico

Previsti un workshop di scrittura di messaggi in bottiglia: a partire del tema della solidarietà, l’obiettivo è la scrittura di diversi messaggi destinati ad una persona situata sull’altra riva del Mediterraneo. L’insieme degli scritti verrano posti in una bottiglia di vetro per poi essere lanciati in mare.
– La proiezione di un film sul tema del mare e della solidarietà grazie al partenariato con il festival di cinema “Zone Portuaire”.
– La mostra “La memoria in movimento: ieri, oggi, domani” allestita dall’Associazione Arci Amari con i disegni realizzati dai giovani sopravvissuti al naufragio del 3 Ottobre 2013.
 
La manifestazione è organizzata in collaborazione con Cooperativa Prospettiva, Associazione Arci Amari di Caltagirone, l’Autorità Portuale di Catania. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*