Boxe, Salvo Cavallaro e Guido Vianello, pugili nazionali sottoposti al “Metodo Tamburo”

Il peso medio catanese, Salvatore Cavallaro

La cura del pugile a livello fisioterapico e posturale. Un trattamento definito “Metodo Tamburo” – dal nome del Posturologo di Enna, il Prof. Pietro Tamburo – che in questi primi giorni di settembre 2018 ha coinvolto due guantoni della Nazionale Italiana Elite di Boxe al “Centro Fisioproject” di Enna: il medio catanese Salvo Cavallaro ed il supermassimo Guido Vianello.

Salvo Cavallaro, Guido Vianello, il Prof. Pietro Tamburo e Coach Giovanni Cavallaro

“Si è trattato di una valutazione posturale e fisioterapica; nello specifico e inizialmente  – spiega Tamburo, che svolge anche il ruolo di Presidente del comitato Sicilia della Federpugilato – sono stati analizzati tutti i segmenti corporei: in particolare articolazioni e vari gruppi muscolari, con rilevazione di eventuali anomalie anatomo-funzionali, e le vie d’ingresso del sistema tonico-posturale quali occhio, piede e sistema stomatogmatico (apparato con funzioni digestive e respiratorie e di relazione). Poi si è lavorato sul miglioramento e sulla correzione delle anomalie riscontrate con nuove metodologie di lavoro globale: riallineamento funzionale dell’atlante di tutte le vertebre della colonna, trattamenti manuali, ginnastica posturale e trattamenti vibrazionali di ultima generazione. Tutto questo è il “Metodo Tamburo”, un lavoro che permette un notevole miglioramento delle prestazioni ed un incremento della performance muscolare. La gestione dell’atleta avviene a 360 gradi e non tralascia nulla, anche sul piano della respirazione e della nutrizione. E’ determinante per mantenere alto lo stato di benessere psico-fisico attraverso un’operazione di prevenzione e/o correzione di eventuali anomalie posturali che potrebbero interferire con le normali attività agonistiche e sulla performance”.

“Un’equipe di spessore, preparata, quella del Prof. Tamburo, di grande supporto per me e per l’amico Vianello – sottolinea Salvo Cavallaro, affiancato anche per l’occasione dal papà Giovanni, Coach della Fitbull Palestre di Catania -. Rappresenta credo il top della terapia, sin qui ha risolto ogni problema fisico che ho riscontrato durante la mia carriera”.

“La mia attività agonista quest’anno inizia proprio in Sicilia – queste le impressioni di Guido Vianello -, dove ho avuto il privilegio di essere sottoposto a terapie all’avanguardia con macchinari super tecnologici, grazie ai quali ho compreso quanto sia importante curare ogni particolare per raggiungere una forma fisica ottimale. Ringrazio in particolar modo il Dottor Tamburo per avermi accolto nella sua struttura insieme ad un personale veramente competente col quale stiamo costruendo i prossimi due anni di attività, programmando ed impostando tutto ciò che riguarda il mio benessere emotivo e fisico. Tornerò sicuramente in Sicilia per proseguire questo percorso di arricchimento personale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*