Al via la partnership tra Polisportiva Alfa e Cus Catania

Il commissario del CUS Catania, Luigi Mazzone e il Presidente dell'Alfa, Nico Torrisi

Presentato al Grand Hotel Baia Verde di Aci castello, il progetto di collaborazione tra l’Alfa Basket e il CUS Catania. In una sala gremita e alla presenza dell’intero staff e degli atleti dell’Alfa di Serie B, Nico Torrisi Presidente della Polisportiva Alfa e Luigi Mazzone Commissario del CUS Catania, hanno illustrato la partnership tra le due principali realtà cestistiche della città.

Rispondere alle esigenze dei giovani, accompagnarli nel loro cammino di crescita e azzerare le differenze di qualsiasi tipo, in nome dello sport: è questa la grande missione che ha sempre ispirato la dirigenza dell’Alfa Basket nell’intraprendere la meravigliosa avventura di fare sport a Catania. Sono passati solo pochi anni dalla nascita della Polisportiva Alfa presso l’Istituto Leonardo da Vinci: ma sono stati anni fecondi di vittorie e di soddisfazioni. Con 200 tesserati nel settore del basket giovanile, una prima squadra promossa in Serie B nazionale e le squadre Under 18 e Under 14 vittoriose nei campionati provinciali, quest’ultima anche nel campionato regionale con partecipazione alle finali nazionali di Cagliari, l’Alfa Basket è oggi una splendida realtà sportiva e sociale. Un importante punto di riferimento e di aggregazione.

Logo Alfa Cus

La collaborazione con il CUS Catania tende a valorizzare e potenziare la cultura della pallacanestro, superando rivalità e diversità in nome di un obiettivo comune: offrire ai ragazzi che vogliono avvicinarsi a questo nobile sport ancora più possibilità, e unire le forze per la formazione e la crescita fisica e motivazionale dei giovani atleti.

A prendere per primo la parola è stato il dott. Nico Torrisi. “L’Alfa nasce, come dico sempre, nella cucina di casa mia con mia moglie e con Carmelo Carbone, oggi general manager della squadra, con l’obiettivo di dare ai ragazzi la possibilità di fare sport – afferma il presidente della Polisportiva Alfa –. La nostra avventura è iniziata e continuerà al Leonardo Da Vinci, che resta la nostra casa. Abbiamo, per ambizione, crescita e necessità, istaurato altre collaborazioni come con la Pgs Sales e il San Filippo Neri. Da quest’anno inizia la partnership con il CUS Catania. Con il dott. Luigi Mazzone, un caro e vecchio amico, ci siamo incontrati più volte. Il CUS Catania è la più antica scuola di basket della città. L’idea che l’Alfa sia aperta alle altre realtà catanesi e siciliane l’ho sempre coltivata. L’obiettivo di questo progetto, che nasce come un unicum è dare a tutti la possibilità di fare sport e divertirsi. I giovani non devono avere l’ossessione della vittoria. Per loro il basket deve essere divertimento, gioia e aggregazione. Il sogno è che un giorno i giovani catanesi e siciliani possano ‘strappare’ le canotte di dosso agli atleti della prima squadra e giocare in tornei di livello. Vogliamo creare una vera cantera di basket a Catania senza gelosie e mettendo a disposizione gli impianti e le risorse umane di tutti. Ringrazio il dott. Mazzone che ha creduto in questo progetto che è inter pares”.

“In campo per crescere insieme”: un progetto dove l’Alfa Basket e il CUS Catania sono appannaggio della comunità e del territorio per favorire la diffusione della cultura sportiva. Per il CUS, che da circa settant’anni opera con profitto non solo nel basket, è intervenuto il Commissario Luigi Mazzone, campione italiano Assoluto di spada nel 2002.

“Il CUS Catania è una società che fa sport agonistico in tante discipline – dichiara Luigi Mazzone, ma è anche una parte importante della storia sportiva della città di Catania. Gli impianti e il passato che abbiamo alle spalle devono essere al servizio di un progetto ambizioso come questo dove al primo posto c’è la crescita culturale prima ancora di quella agonistica del basket a Catania. Con il dott. Nico Torrisi ci siamo seduti attorno ad un tavolo ed abbiamo trovato subito un’unità di intenti sul settore giovanile. E’ inutile parlare di prime squadre competitive se alla base non ci sono i nostri giovani. Bisogna puntare sui ragazzi catanesi. Il mio referente tecnico è Gaetano Russo, che è la storia del basket cusino e continuerà ad esserlo anche per il futuro. Credo ciecamente in questa partnership. Un progetto condiviso sia nel nome sia nel logo, che comparirà anche sul vestiario delle formazioni giovanili. Ovviamente restiamo due realtà separate: l’Alfa farà la Serie B, il CUS Catania la Serie C Silver. Siamo determinati nel fornire alla città di Catania un modello sinergico, che deve servire per eliminare tutto ciò che ha bloccato la crescita della cultura sportiva”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*