Al Centro Zo di Catania il 18 Novembre, per “Altrescene Preview”, “Miracolo (in Sicily)” di Giuseppe Massa, produzione di “Sutta Scupa”

Una scena di "Miracolo"

Nuovo appuntamento con la rassegna di teatro contemporaneo “Altrescene Preview” da Zo centro culture contemporanee a Catania. Domenica 18 Novembre, alle ore 21, Peppe Massa porta in scena il suo “Miracolo (in Sicily), con Gabriele Cicirello, Paolo Di Piazza, Kassey Sunday, scena e costumi Mela Dell’Erba, luci Vincenzo Cannioto
, suono Giuseppe Rizzo). La produzione è di Sutta Scupa con il contributo di Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana e si avvale della collaborazione di Latitudini-Rete Siciliana di Drammaturgia Contemporanea.

Un momento dello spettacolo

Due fratelli (becchini precari) hanno il compito seppellire un migrante, ma il cimitero della città è stracolmo. Da ciò scaturisce un agro divertissement in cui i due provano, senza riuscirci, a sbarazzarsi del corpo del defunto.

Miracolo prende spunto dalle ondate migratorie che attraversano il Mediterraneo per investigare la progressiva disumanizzazione della nostra società. L’embrione del testo nasce all’interno di WRITE 2016 (residenza creativa, ideata e diretta da Tino Caspanello), che coinvolge drammaturghi siciliani ed europei all’interno del monastero di Mandanici (Me), a cura di Gigi Spedale per Latitudini. Successivamente, a Maggio di quest’anno, la compagnia attraversa con una breve residenza artistica (sviluppatasi all’interno della rassegna “Interludi Silenziosi”) l’Oratorio San Lorenzo di Palermo. Da ciò scaturisce un primissimo studio in cui il testo terrigno fino alla bestialità viene messo in relazione agli incantevoli e biancheggianti stucchi del Serpotta.

Miracolo (in Sicily)

scritto e diretto da Giuseppe Massa

con Gabriele Cicirello, Paolo Di Piazza, Kassey Sunday

scena e costumi Mela Dell’Erba

luci Michele Ambrose

suono Giuseppe Rizzo

aiuto drammaturgia Giuseppe Tarantino

assistente alla regia Marco Leone

assistente alla produzione Elena Amato

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*