Edilizia, arriva in Sicilia la tecnologia che riduce i tempi di realizzazione della struttura e qualifica l’investimento

Il valore del tempo come risorsa nell’edilizia moderna; la prevenzione alla luce delle nuove normative in materia; l’attenzione sui temi della sicurezza, sempre più alta a seguito dei fatti di cronaca che hanno destabilizzato il Paese: dal ponte di Genova alle strade della Sardegna, passando per i crolli dovuti a nubifragi ed eventi sismici.

Come cambia il cantiere edile all’interno di questo scenario? Quale l’evoluzione delle tecniche costruttive? Se ne parlerà mercoledì 14 novembre alle ore 14 presso il Relais San Giuliano (via Antonello da Messina, 3, Viagrande) in occasione del seminario “Innovazioni e hi-tech in cantiere. Il sistema integrato di armature a tappeto” organizzato da Ordine e Fondazione Ingegneri di Catania in collaborazione con Università degli Studi di Catania e Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, Ordine e Fondazione ArchitettiCollegio dei Geometri, Ance Catania Sider Sipe S.p.A.

Tutti i protagonisti della filiera edilizia del territorio etneo ed esponenti del mondo accademico si riuniranno in occasione dell’incontro su best practice e sistemi costruttivi all’avanguardia, a cui interverranno: i presidenti etnei dell’Ordine e della Fondazione Ingegneri, rispettivamente Giuseppe Platania e Mauro Scaccianoce, il Rettore dell’Università di Catania Francesco Basile, i presidenti di Ordine e Fondazione Architetti, Alessandro Amaro e Veronica Leone, il presidente del Collegio dei Geometri Paolo Nicolosi, il presidente Ance Catania Giuseppe Piana, il direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura Enrico Foti, la presidente del Corso di Laurea in Ingegneria Civile Strutturale e Geotecnica Loredana Contrafatto.

«L’obiettivo del seminario, rivolto ai professionisti e valido per l’attribuzione dei crediti formativi – spiega Scaccianoce è offrire una panoramica sulle opportunità che la progettazione oggi può dare in termini di sicurezza, efficienza, qualità, sostenibilità ambientale e sociale, grazie alle innovazioni messe in campo da tecnici e aziende».

In occasione dell’incontro verrà presentata la tecnologia brevettata Bamtec, un innovativo metodo di progettazione, produzione e montaggio di platee, solette e pareti in cemento armato. Ideato nel 1994 dallo Studio di Ingegneria Haussler, prodotto e distribuito in Italia dall’azienda catanese Sider Sipe, il tappeto di armatura in barre di acciaio premontate in un singolo asse e collegate in una sola unità di montaggio ha vinto il record del mondo, entrando nel “Guinness dei primati” grazie a due lavoratori di un cantiere di Kempten (Germania) che sono riusciti a collocare un peso totale di 6,36 tonnellate di sette elementi nel giro di soli 42 minuti.

«Dopo la Germania, leader indiscusso nel settore dell’industrializzazione edilizia – afferma l’Ad di Sider Sipe S.p.a. Angelo Gruttadauria  arriva finalmente anche nel nostro Paese un sistema innovativo di costruzione già utilizzato in tutto il mondo e introdotto per la prima volta in Sicilia, che permette di ottimizzare tempi e costi del cantiere grazie alla facilità e precisione millimetrica della posa in opera e all’apposito software di progettazione».

Come funziona il “tappeto magico” dell’edilizia moderna? Si parte dalla planimetria d’insieme, che raffigura l’esatto posizionamento delle singole barre del tappeto, per poi passare al piano di posa e di produzione: il trasporto in cantiere avviene con mezzi standard, mentre la posa in opera è realizzata tramite lo srotolamento di tappeti di armatura, che pesano fino a 1,50 tonnellate.

Il risultato è la qualità dell’opera e l’efficientamento completo del cantiere: i tempi di realizzazione della struttura grezza diminuiscono del 30% grazie ai tempi di posa delle armature ridotti fino al 90%, con una diminuzione negli sprechi e un risparmio reale fino al 40% nei materiali utilizzati e non ultimo il contenimento significativo del rischio di errore e di infortuni per i lavoratori, come dimostrato da diversi studi di settore.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*