Emozioni, condivisione e sport alla “Cittadella” di Catania per la XXIV edizione del Memorial Roberto Maccarrone

Mini rugbisti in campo per il Memorial Maccarrone

“E’ davvero bello ritrovare ogni anno, anche con delle temperature gelide tanti amici, tanti appassionati che si incontrano, dopo tanti anni, nel ricordo di un ragazzo, di un rugbista, di un professionista esemplare. Di questo ringrazio sempre tutti e soprattutto gli amici dell’Old Rugby Cus Catania che ogni anno rendono possibile questo appuntamento”.

Da sinistra: Nino Puleo, Maria Grazia Fiamingo e Vittorio Maccarrone

Sono le parole di Maria Grazia Fiamingo, moglie di Roberto Maccarrone, l’architetto-rugbista, detto “Roccia”, terza linea di Cus Catania ed Amatori Catania, scomparso il 23 Dicembre del 1994 ricordato anche quest’anno il 5 e 6 Gennaio alla Cittadella universitaria di Catania con la XXIV edizione del Memorial Roberto Maccarrone.

La manifestazione, ormai immancabile appuntamento di inizio anno, è stata organizzato dagli Old del Cus Catania con il presidente Renato Papa, dal Cus Catania con il responsabile di sezione Nino Puleo, dalla prof.ssa Maria Grazia Fiamingo e col patrocinio del Comitato Regionale siciliano del presidente Orazio Arancio.

Il Memorial Maccarrone si è svolto quest’anno in due separate giornate: il 5 Gennaio, dalle 9,30, alla “Cittadella” si sono affrontati gli Old – con lo spirito che li caratterizza ed accomuna – e che hanno ricordato l’amico e compagno di squadra scomparso, così è successo anche lo scorso 29 Dicembre quando si è reso omaggio ad Enzo Nicotra, altro amato pilastro ed amico della famiglia Old.

Gli Old in campo il 5 Gennaio

Nella fredda mattinata si sono ritrovati giocatori provenienti dai club Old di Catania, Siracusa, Messina con in testa quelli del Cus Catania. Si è giocata un’ora di partita, 15 contro 15, con una sola squadra per ricordare ancora Roberto. Prima della partita è stato rivolto un pensiero per alcuni compagni di squadra scomparsi recentemente, oltre al caro Enzo Nicotra, Giuseppe Condorelli, Saro Smiroldo, Nino Tringali e il nonno Felice Di Mauro.

Il Memorial Maccarrone si è poi concluso nella giornata dell’Epifania, il 6 Gennaio, con il Torneo di mini rugby con le categorie under 6, 8, 10, 12. Sul campo della Cittadella universitaria, in una fredda mattinata, riscaldata però da un caldo sole, si sono ritrovati ben 180 piccoli rugbisti e sette le società partecipanti (Cus Catania, San Gregorio, Amatori Catania ARL, Briganti Librino, Ragusa, Milazzo, Syrako). Anche stavolta grandi e piccini hanno voluto partecipare al torneo dimostrando l’affetto e la stima nei confronti di Roberto, ricordato ormai da ben 24 anni. Per i partecipanti che affollavano le tribune della “Cittadella” un vero spettacolo vedere in campo tanti piccoli rugbisti, lottare su ogni pallone, all’insegna dello sport e della condivisione.

Angelo D’Agosta con i piccoli rugbisti Briganti

Alla fine per la categoria under 8 ha vinto il San Gregorio (seguito da Cus Catania, Ragusa e Syrako), il Cus Catania si è imposto nell’under 10 (seguito da San Gregorio, Ragusa, Briganti Librino e Milazzo) ed infine per l’under 12 l’ha spuntata la mista Amatori Catania-Briganti, seguita da San Gregorio, Cus Catania e Ragusa-Syrako.

La manifestazione si è chiusa poi con la prof.ssa Maria Grazia Fiamingo che ha ringraziato per il loro impegno il Cus e l’Old Cus Catania ed il Comitato Regionale (presente con il suo presidente Orazio Arancio) che ha dato il patrocinio.

La premiazione

Gli Old hanno poi consegnato dei ricordi della manifestazione alla prof.ssa Fiamingo ed al figlio di Roberto, Vittorio Maccarrone e la coppa offerta dalla Arriba A.S.D. è stata consegnata al San Gregorio, società che è riuscita a portare in campo il maggior numero di piccoli atleti e l’ha spuntata per alcune unità sul Cus Catania (46 con 42).

“Così come le precedenti edizioni – ha ribadito il responsabile di sezione del Cus Catania, Nino Puleosono state due giornate emozionanti. Sono stati momenti di condivisione, di sport e di amicizia nel ricordo di un atleta, di un compagno di squadra, di un ragazzo dal cuore d’oro come Roberto che, sicuramente da lassù ci segue ed apprezza il nostro appuntamento annuale di amici e di mini atleti che si incontrano e stanno assieme per due giorni in suo ricordo”.

La locandina del Memorial
Di Maurizio Sesto Giordano 459 Articoli
Giornalista con esperienza trentennale nella carta stampata, collabora da oltre venti anni col “Giornale di Sicilia”. Cronista e critico teatrale, da anni collaboratore dell’associazione Dramma.it, cofondatore nel 2005 del quotidiano di informazione www.cronacaoggi.it. Esperto in gestione contenuti, editing, video, comunicazione digitale e newmedia, editoria cartacea, consulenza artistica, teatrale e sportiva.

1 Commento

  1. Un Rugbysta non muore mai, al massimo passa la palla e quella che ha passato Roberto Maccarrone è stata raccolta dai moltissimi Amici Rugbysti e da quelli ancora in erba. Ciao Roberto R.I. P.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*