Serie C, il Catania di Novellino espugna il “Ceravolo”, i rossazzurri battono 2-1 il Catanzaro e tornano terzi in classifica

Catanzaro-Catania: 1-2

Primo squillo oggi pomeriggio di Walter Novellino e del suo Catania che, con un secondo tempo convincente ed ordinato, hanno espugnato il “Ceravolo per 2-1 battendo l’ostico Catanzaro di mister Auteri in rimonta e conquistando il terzo posto in solitario con 54 punti. Dopo la squadra timida, svogliata ed imprecisa vista in altre trasferte, oggi – in casa di un Catanzaro temibile – complice la grinta, l’acume tattico di Walter Novellino, si è visto finalmente un undici rossazzurro trasformato e che, partito in svantaggio dopo soli 2’, non si è perso d’animo, ha macinato gioco, ha lottato ed ottenuto il pari prima della fine dei primi 45’ e poi, dopo 12’ del secondo tempo, è passato in vantaggio con un micidiale contropiede, sfiorando nel finale anche la terza rete e rintuzzando le azioni di un Catanzaro poco pericoloso nella ripresa.

Marotta e Lodi

Inizio choc per gli etnei che già al 2’ incassavano la rete dell’1-0: Iuliano calciava dalla bandierina, D’Ursi anticipava Rizzo, Pisseri non usciva ed era il vantaggio del Catanzaro. I rossazzurri, però, non si disunivano e sfioravano il pari con una punizione di Lodi dal limite, deviata in angolo da Furlan e dopo arrivavano le occasioni per Marotta e Rizzo. Anche il Catanzaro sfiorava il raddoppio con D’Ursi, ma al 42’ il Catania acciuffava il pari con un gol davvero apprezzabile: dopo un recupero di Marchese su Kanoute, Di Piazza serviva Marotta che beffava il portiere Furlan ed era l’1-1 meritatissimo.

Nella ripresa dopo un buon inizio del Catanzaro, il Catania al 12’ segnava il gol del vantaggio: Marotta liberava Di Piazza in corridoio con una ripartenza che trovava la difesa di casa fuori tempo. L’attaccante etneo era freddo a scartare Furlan ed a depositare il pallone in rete.

A questo punto il Catania amministrava bene il vantaggio e Novellino faceva entrare in campo Manneh, Bucolo e Lovric mentre il Catanzaro provava a rendersi pericoloso protestando in due occasioni con l’arbitro per la non concessione di un calcio di rigore. Nel finale Manneh sfiorava il terzo gol per il Catania ma la gara, dopo 5’ di recupero, si chiudeva con la vittoria dei rossazzurri che tornano così terzi in classifica (con 54 punti) ed aspettano domenica al “Massimino” la capolista Juve Stabia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*