Scienze comportamentali, Doxa presenta “Nudge” potente strumento di marketing

Molte aziende guardano ai propri clienti e ai propri dipendenti come decision maker pienamente razionali, senza considerare la componente non razionale che spesso è alla base delle azioni più strategiche di ognuno di noi, che si tratti di scelte di consumo o di relazioni lavorative o sociali.

Nasce da questo presupposto la teoria del Nudge, secondo cui anche minimi cambiamenti di contesto possono incoraggiare le persone ad adottare uno specifico comportamento e a prendere decisioni non scontate.

Si tratta di una teoria all’avanguardia che rientra nell’ambito delle scienze comportamentali e che Doxa presenta per la prima volta in Italia con la Nudge Unit di BVA Group, tra le prime realtà al mondo ad esplorare le potenzialità delle scienze comportamentali applicate al marketing e al management e alle interazioni sociali.

Con un approccio nudge è possibile ad esempio incentivare la digital conversion: con piccoli accorgimenti o «piccole spinte» si può aiutare a implementare l’utilizzo del digitale, a migliorare l’esperienza di uso delle app e/o della registrazione dei siti; si possono rendere ottimali le campagne di marketing e comunicazione; si può incidere sul processo d’acquisto di prodotti e servizi creando momenti unici nell’esperienza del cliente; e si può, infine, intervenire nelle organizzazioni aziendali snellendo i processi decisionali e rendendoli più efficaci.

BEHAVIOURAL SCIENCE APPLICATA AL MARKETING E AL MANAGEMENT — Doxa può mettere a disposizione delle aziende un team di professionisti esperti nell’applicazione delle scienze comportamentali e con un background solido nel mondo del marketing e del management. Una combinazione di competenze ideale per presentare al mercato soluzioni fattibili ed efficaci nel:

  • Nudge marketing, che fa riferimento agli sforzi per modificare e orientare il comportamento di un pubblico esterno (consumatori, clienti, pazienti, cittadini e così via) tramite iniziative che ne influenzino in positivo il customer journey.
  • Nudge management, che fa leva sul comportamento di un pubblico interno (dirigenti, dipendenti e stakeholder) attraverso progetti che implicano il coinvolgimento di specifici comportamenti (legati al servizio clienti, alla collaborazione o alla promozione) oppure sfide più ampie (diversity/inclusion, sicurezza sul lavoro o, ancora, processi decisionali più snelli).

Per raggiungere gli obiettivi di business, Doxa – insieme al team dedicato della Nudge Unit di BVA Group – dispone di una vasta gamma di potenti strumenti e metodologie da attivare a seconda del tema da affrontare e del risultato desiderato: behavioural audit, training, workshop, leadership coaching, approcci specifici come NudgeLab da sviluppare fianco a fianco al cliente, o Nudge Design Expert, strumenti proprietari per il cambiamento comportamentale, test e ricerche.

«Il nudge è un nuovo punto di vista tramite cui siamo in grado di interpretare i comportamenti di ogni singolo individuo» afferma Vilma Scarpino, amministratore delegato di Doxa. «Il marketing e il management sono in costante evoluzione e per questo motivo è indispensabile che le aziende, prendano consapevolezza del fatto che le decisioni non si assumono soltanto su base razionale, ma che c’è anche una componente non razionale su cui possiamo fare leva, integrando le scienze comportamentali nelle scelte strategiche. Il nudge inoltre può contribuire significativamente a migliorare il mondo in cui viviamo perché porta le persone ad adottare comportamenti virtuosi che hanno un impatto positivo su loro stessi, sulla comunità e sul pianeta. E sono proprio le aziende che hanno a cuore gli interessi di tutti i propri stakeholder quelle che riescono ad instaurare i rapporti di fiducia più solidi». 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*