Anche a Catania in azione da Marzo gli “Spider man” di “EdiliziAcrobatica”

EdiliziAcrobatica anche a Catania

Noti al pubblico anche come “Supereroi Acrobatici”, per avere dato vita ad alcune performance dedicate ai bambini in alcuni dei più importanti ospedali pediatrici del territorio nazionale, dove mascherati da Spiderman, Batman, Superman, calandosi dai tetti dei reparti, hanno regalato una giornata di allegria ai piccoli ricoverati. Dallo scorso Marzo questi tecnici sono a disposizione anche dei catanesi che, volendo evitare gli inconvenienti provocati dall’installazione dei ponteggi sulle facciate dei palazzi, possono scegliere di affidarsi all’ing. Nicola Ferla e alla sua squadra di EdiliziAcrobatica presente nella città etnea negli uffici, nel Point della centrale via Gabriele D’Annunzio 63/C.

Gli acrobati dell’edilizia

EdiliziAcrobatica, fondata a Genova nel 1994 dallo skipper Riccardo Iovino, è la prima azienda in Italia ad avere reso possibili spettacolari interventi di ristrutturazione in doppia fune di sicurezza e senza l’uso di ponteggi. Per conoscere meglio l’Azienda ed il Point di Catania, come opera e di cosa si occupa nello specifico, abbiamo incontrato proprio l’ing. Nicola Ferla nell’ufficio di via D’Annunzio a Catania

“L’edilizia su corda – spiega Nicola Ferla– è una proposta innovativa che rappresenta il futuro del settore. Credo fermamente nel metodo di lavoro di EdiliziAcrobatica e sono felice di averlo portato a Catania“.

I muratori acrobati a piazza Università

Come è nata l’idea di portare EdiliziAcrobatica anche a Catania?

“Negli anni della crisi del settore edile, quello in cui sono state più le aziende che hanno chiuso di quelle che hanno aperto, EdiliziAcrobatica ha registrato una crescita annuale media a doppia cifra. In questo contesto di crescita dell’azienda non poteva mancare una sede a Catania, da sempre una delle realtà commerciali ed imprenditoriali più dinamiche che abbiamo in Italia”.

Di cosa vi occupate nello specifico e come è nata l’Azienda?

“EdiliziAcrobatica garantisce interventi di ristrutturazione, manutenzione, installazione e pulizia di qualsiasi entità, dalla sostituzione di una grondaia al ripristino totale delle facciate, coperture e balconi. Tutto nasce 25 anni fa da un’idea di Riccardo Iovino, quando, giovane skipper, con il mare e il vento nel sangue, scendendo dall’albero maestro di una barca a vela ebbe un’intuizione geniale: quelle funi e quelle corde, che gli avevano consentito di lavorare in perfetta sicurezza a diverse decine di metri dal suolo, si sarebbero potute usare efficacemente anche nel campo dell’edilizia”.

Come siete strutturati nella sede catanese, chi sono i vostri tecnici super specializzati e come operano?

“Abbiamo una team di tecnici a servizio dei nostri clienti per aiutarli nel risolvere nel modo più adeguato le loro necessità ed un team di operatori su fune altamente specializzati in grado di soddisfare in modo ottimale le esigenze del cliente. Le squadre di “operatori”, muratori con anni di esperienza e formati dall’azienda per lavorare sulle funi, operano in coppia o in piccole squadre di 3 o 4 e si spostano con l’inconfondibile furgone giallo-blu”.

Lavori nei balconi

Quali sono i vantaggi nello scegliere l’edilizia su fune al posto della tradizionale ditta con relativi ponteggi per restaurare e ripulire le facciate degli edifici?

“Nessun ponteggio che ingabbi il fabbricato, zero rischi di intrusione all’interno delle proprietà, maggiore sostenibilità potendo pianificare gli interventi in più step, totale libertà durante l’esecuzione dei lavori, risparmio e rapidità abbattendo costi fissi e riducendo le tempistiche di lavorazione con prezzi competitivi e tempi record. Le impalcature spesso costituiscono il 50 per cento delle spese di un cantiere e spesso vengono percepite come una trappola o un fastidio, perché oscurano le finestre, sono invasive e rumorose e rallentano i tempi di intervento, inoltre i committenti sono costretti a terminare i lavori di tipo diverso in un’unica sessione per evitare di montare nuovamente i ponteggi o mantenerli per tanto tempo”.

A tre mesi dalla vostra apertura a Catania quali i risultati ottenuti ed a quali obiettivi mirate?

“Il nostro obiettivo è diventare un punto di riferimento del settore in città e stiamo lavorando per questo: abbiamo più di 30 operatori in formazione presso le nostre sedi in Italia che si stanno impegnando per diventare dei campioni nei lavori su fune, vogliamo nel minore tempo possibile farli rientrare a Catania”.   

Di Maurizio Sesto Giordano 500 Articoli
Giornalista con esperienza trentennale nella carta stampata, collabora da oltre venti anni col “Giornale di Sicilia”. Cronista e critico teatrale, da anni collaboratore dell’associazione Dramma.it, cofondatore nel 2005 del quotidiano di informazione www.cronacaoggi.it. Esperto in gestione contenuti, editing, video, comunicazione digitale e newmedia, editoria cartacea, consulenza artistica, teatrale e sportiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*