Controlli della Polizia nei quartieri di San Giorgio, Villaggio Zia Lisa e Librino, sanzionati ed indagati titolari di attività abusive

Controlli della Polizia

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato di Librino ha effettuato controlli straordinari del territorio volti a contrastare l’illegalità diffusa nei quartieri di San Giorgio, Villaggio Zia Lisa e Librino. Particolare rilievo ha assunto il controllo effettuato in Viale Nitta dove un uomo di 50 anni è stato indagato in stato di libertà ai sensi degli articoli 633 e 639 c.p. (invasione di area pubblica) in quanto ha costruito una struttura inamovibile sulla citata via pubblica invadendo anche un porzione di verde pubblico e l’intero marciapiede, creando in tal modo un danno alla flora locale e problemi alla sicurezza stradale. In detta struttura, pari a 72 metri quadri, oltre a vivervi, l’uomo vi ha allestito un’attività commerciale abusiva di oggetti usati.

Ulteriore controllo ha consentito di indagare in stato di libertà due fratelli per il reato di invasione di vie pubbliche e ciò in quanto responsabili di aver allestito sulla stradale San Giorgio una rivendita alimentare, totalmente abusiva e pari a circa 150 metri quadri.

Ancora, all’interno del Villaggio Zia Lisa è stata rinvenuta una officina meccanica abusiva realizzata all’interno di due immobili e di un’area pubblica pari a circa 500 metri quadri dove all’interno sono state rinvenute numerose autovetture in riparazione; fatto di rilievo è che il titolare di detta attività ha ammesso che uno dei due immobili è di proprietà del Comune di Catania e l’ha occupato abusivamente. Non solo, è stato anche accertato che l’uomo raccoglieva, senza la prescritta autorizzazione, rifiuti speciali quali materiale ferroso e pezzi di ricambio e, per tale motivo, si è proceduto al sequestro penale preventivo e il citato titolare è stato indagato in stato di libertà per gestione illecita di rifiuti speciali. I titolari delle attività verranno altresì sanzionati amministrativamente per l’esercizio abusivo di dette attività.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*