Francesco Audenzio Quartararo nuovo presidente regionale dell’Associazione per i Diritti degli Anziani Sicilia

Francesco Audenzio Quartararo è il nuovo presidente regionale dell’Associazione per i Diritti degli Anziani Sicilia.

Succede ad Antonino Toscano, attuale segretario generale della Uil Pensionati Sicilia, dimessosi dalla carica di presidente: i due ruoli sono infatti incompatibili alla luce della recente riforma del terzo settore.

Quartararo, nativo di Giuliana, in provincia di Palermo, classe 1948, ha alle spalle una lunga esperienza sindacale e da anni ricopre incarichi presso la Uil Pensionati Sicilia.

“Ringrazio l’assemblea dei soci che mi ha eletto all’unanimità e il segretario Toscano per la fiducia accordatami e per il lavoro svolto – dichiara il nuovo presidente – nella direzione del sostegno ai più deboli e del dialogo intergenerazionale”.

“È mia intenzione – continua Quartararo – proseguire con rinnovato impegno, insieme alla Uil Pensionati della quale l’ADA è un braccio operativo nel territorio: l’obiettivo è di rafforzare la presenza associativa in Sicilia all’insegna dell’inclusione sociale e della massima attenzione verso i soggetti a maggiore rischio di marginalità e abbandono”.

“La società contemporanea assegna al volontariato un ruolo di primo piano – conclude – poiché esso spesso colma le lacune di una politica poco attenta al welfare e ai bisogni delle persone fragili, che dovrebbero invece essere prioritari in una società evoluta come la nostra”.

L’assemblea riunitasi a Palermo presso la sede della Uil Pensionati regionale, ha eletto altresì i due vice presidenti dell’ADA Sicilia Antonino Toscano – coordinatore della Federazione Nazionale ADA – e Gaetano Cuttitta; il ruolo di responsabile amministrativo è stato assegnato ad Angela Aronica.

Dell’assemblea fanno inoltre parte Maria Cristina Alaimo, Costantino Amato, Vito Capobianco, Leonardo Falco, Marianna La Barbera, Alberto Magro, Sebastiano Mazziotta, Salvatore Messina, Annamaria Patania e Daniela Sangiorgio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*