Sicilia Sport al Vertice chiede alla Regione di rimpinguare la Legge 31 in favore delle Società

Il direttivo di Sicilia Sport al Vertice, il consorzio che riunisce le società di vertice isolane ha incontrato l’Assessore regionale allo Sport, Manlio Messina. I componenti di Sicilia Sport al Vertice, guidati dal Presidente Nello Russo e dai Vicepresidenti Giorgio Locanto, Daniele Insabella e Flavio Guzzone, hanno espresso a chiare lettere le difficoltà in cui versano le società sportive della Sicilia e pertanto chiesto risposte concrete e sostanziose.

Fare sport nella nostra terra è sempre più una missione impossibile. Manca qualsiasi tipo di sostegno economico per i club soprattutto per affrontare le onerose spese di trasferta, che stanno portando al collasso quasi tutte le società. Non è un caso che circa millecento società sportive isolane sono state costrette al ritiro negli ultimi anni. “E’ necessario trovare unità di intenti tra la Regione e il Consorzio – afferma Nello Russo, Presidente di Sicilia Sport al Vertice -. Da qualche anno a questa parte per la Regione Siciliana valiamo appena 500mila euro meno di un farsesco Giro di Sicilia, di una riunione di boxe o di un contributo per il golf. Per sopperire alle difficoltà sopra esposte occorre semplicemente rimpinguare la Legge 31. Questa è l’unica Legge utile e irrinunciabile per salvare lo sport di vertice siciliano”.

L’Assessore Messina, dopo aver ascoltato i suggerimenti avanzati dal Consorzio, si è impegnato ad incontrare i componenti il direttivo di Sicilia Sport al Vertice, per trovare insieme e a breve scadenza, le soluzioni più valide per sostenere lo sport di vertice ed evitare la sua scomparsa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*