Il 15 settembre all’Empire di Catania presentazione dei corsi della Scuola Proyecto Tango e serata ad ingresso gratuito

Angelo e Donatella Grasso (Foto Michele Maccarrone)

Dopo la XIX edizione del Catania Tango Festival, si avvia con entusiasmo il nuovo anno accademico della scuola Proyecto Tango, fatto di studio e di grandi eventi all’insegna del motto del direttore Angelo Grasso: “Un tango per tutte le stagioni”. Domenica 15 settembre alle 19 all’Empire la presentazione dei nuovi corsi, durante l’evento, a ingresso gratuito, verranno illustrate le novità e le proposte del nuovo anno accademico della scuola Proyecto Tango, riconosciuta come una delle più prestigiose realtà per l’apprendimento del tango argentino: l’Academia Proyecto -Tango infatti è entrata nella rosa delle prime tre più importanti accademie di tango al mondo ai “Premios Tango 2019”, gli Oscar del Tango, che si tengono ogni anno a marzo a Buenos Aires. ProyectoTango è indiscutibilmente un progetto innovativo per il tango a Catania, fucina di nuovi tangueros e polo d’eccellenza.

L’Academia ProyectoTango si pone dunque come punto di riferimento per lo studio e la conoscenza del tango; i direttori e maestri Angelo e Donatella Grasso riescono a fondere in maniera unica tradizione e novità, diffondendo questo straordinario ballo e la sua cultura da più di 20 anni a Catania, in Sicilia e nel mondo: “Per cominciare a ballare consiglio di pensare al tango come a un “nuovo” linguaggio da scoprire e con cui esprimersi. Il tango non necessita di alcuna esperienza precedente di ballo – puntualizza Angelo, invitando chiunque a provare – né di alcuna attitudine fisica o di un’età precisa: il tango accoglie tutti in una trasversalità generazionale che, di fatto, gli conferiscono forza e fascino”. Domenica i maestri residenti Angelo e Donatella interagiranno con il pubblico presentando i diversi stili del tango a chi vorrà approcciarsi a questa disciplina: “Secondo la nostra esperienza – spiega Donatellasi può ballare sin da subito, acquisiti i principali elementi, ovvero musicalità e camminata, si può “scendere in pista” già dopo il primo mese di lezioni con il “vocabolario” minimo indispensabile.  È importante ciò che si creerà con il tempo: i concetti di base e la filosofia di un ballo di coppia fatto non di soli passi ma di studio, intesa, allenamento e soprattutto di concentrazione verso il partner che è quasi cura dell’altro, cura di sé e cura della relazione stessa“. Il tango è molto più di una danza, per questo motivo l’Academia Proyecto Tango si avvale della collaborazione di numerosi Maestri argentini di fama internazionale che con la loro presenza, a cadenza mensile, contribuiscono alla diffusione della cultura argentina oltre che all’acquisizione dei diversi stili ed elementi del ballo. Il programma di quest’anno, già visibile sul sito dell’accademia, risplende di nomi straordinari: Walter Cardozo e Margarita Klurfan, Pablo Inza e Sofia Sabordido, Pablo Rodriguez e Carolina Couto, Julio Balmaceda e Virginia Vasconi, Adrian Veredice e Alejandra Hobert, Gaspar Godoy e Carla Mazzolini. “Con il tango si combatte la tendenza all’individualismo – conclude Angelo Grasso suggerendo di approcciarsi al tango come ad un ballo dalle innumerevoli potenzialità – Inoltre, si riflette sulle dinamiche complesse tra uomo e donna, in questa danza infatti è dominante il senso dell’abbraccio, della relazione e del coinvolgimento dei ballerini nello spazio. Nell’armonia di questo concetto, si sviluppano i passi, mentre nella fusione della capacità di guida per l’uomo e di ascolto per la donna nascono le possibilità espressive e interpretative del tango”. Le opzioni per settembre sono tante e riguardano tutti: per i tangueros di esperienza al via i corsi avanzati e distinti per livello, anche fino al settimo anno di studio, in cui si propongono percorsi per mantenere e accrescere capacità e potenzialità perché il “tango cambia come cambia il nostro corpo e il modo di ballare, e non bisogna mai smettere di studiare per stare bene con noi stessi, con il nostro tango e in pista” spiega Angelo Grasso; c’è poi il corso coreografico, per i più esperti ma anche per gli altri, e per chiunque voglia approcciarsi ad un tango più da esibizione; ancora, proposte di perfezionamento, tecnica e seminari e al via, per i neofiti, l’accattivante Pacchetto “PrimiPassi” Settembre 2019: un corso rivolto a principianti assoluti che vogliano iniziare un percorso di formazione nell’apprendimento del Tango Argentino. La durata del Corso sarà di 9 mesi, il mese di settembre vede una programmazione intensiva di 5 incontri (pacchetto “primipassi” – full immersion), per poter subito provare la gioia della condivisione scendendo in pista, mentre da ottobre a giugno si procederà con un incontro e una pratica settimanali. Non è necessaria l’iscrizione in coppia; la Scuola si adopererà affinchè i gruppi di lavoro abbiano un numero omogeneo di componente maschile e componente femminile. I maestri, infatti, fanno riferimento a supporter cresciuti all’interno della scuola (uomini e donne), per favorire e iscrizioni dei singoli. Insomma, gli ingredienti ci sono tutti per iniziare una straordinaria stagione a tutto tango.  (www.proyectotango.com).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*