Il 12 Ottobre a “Spazio Fluido” di Catania “L’uomo invisibile” di Steve Cable per la rassegna “Underground rivers”

L'uomo invisibile

Sabato 12 ottobre, alle ore 18.00 e 21.00 (repliche domenica 13 ottobre ore 18.00 e 21.00, sabato 19 ottobre, ore 18.00 e 21.00, domenica 20 ottobre ore 18.00 e 21.00 e mercoledì 23 ottobre ore 20.15 – incontro finale), nei locali di “Spazio Fluido”, in via Francesco Laurana 16  a Catania, si inaugura la rassegna teatrale “Underground rivers” della Compagnia “Teatro Argentum Potabile”, diretta da Antonella Caldarella e Steve Cable, dedicata agli adulti con la pièce “L’uomo invisibile – Una festa sacra”, testo inedito scritto e diretto da Steve Cable, che debutterà in prima nazionale. In scena Clara Baudo, Giulio Belvedere, Andrea Cable, Nicoletta Cancelliere, Marta Chiarello, Alessandra Cosentino, Carlotta La Mela, Carlotta Minissale, Giuditta Nicosia, Simona Nicotra, Maria Riela. Musiche originali di Andrea Cable, per un “Teatro Itinerante” prendendo spunto dalle rappresentazioni medievali intese come rito collettivo nella forma delle Sacre Rappresentazioni diventando un’espressione di bisogno nella collettività.

L’uomo invisibile è un viaggio sia fisico che emotivo per un gruppo di massimo 25 partecipanti e non spettatori, i quali tra i diversi ambienti che forniscono un cambio di prospettiva differente come se fossero pellegrini  o partecipanti ad una “Festa” con una serie di quadri e rimandi dove, in questo caso specifico, ci si rifà al dramma sacro in una versione moderna e laica in cui ci si muoverà in un grande spazio scenico condiviso. Due gruppi di persone s’incontrano e nell’incontrarsi qualcosa di magico possibilmente accadrà, perché “L’uomo Invisibile” permette una pluralità di possibili letture e interpretazioni dove alla fine di ogni replica i partecipanti saranno invitati a scrivere in maniera anonima le loro riflessioni su un foglio di carta, in modo che dopo le otto repliche previste con l’incontro finale del 23 ottobre attori e spettatori saranno invitati un’ultima volta per discutere, leggere, scoprire i vari fogli di carta disseminati come testimonianza di una visione personale del viaggio a cui hanno partecipato e allo stesso tempo rappresentato in quel luogo di incontro-confronto ed anche festa che è il teatro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*