Arrestato da agenti del Commissariato Nesima per violenza sessuale, lesioni personali e atti persecutori

Violenza donne

La Polizia di Stato ha arrestato il 31enne catanese C. S. per violenza sessuale, lesioni personali e atti persecutori ai danni dell’ex compagna. In particolare una donna, presentatasi negli Uffici del Commissariato Nesima, alle 23.30 dello scorso 10 ottobre, palesemente in stato di agitazione per aver appena subito violenza sessuale da parte del suo ex compagno, raccontava le ultime due ore di terrore passate in compagnia dello stesso che a conclusione di un ennesimo litigio, le usava violenza all’interno della propria autovettura.

Il personale di Polizia si attivava dando attuazione alle disposizioni contenute nella delega dell’Autorità giudiziaria catanese intraprendendo tutte quelle attività previste dal c.d. Codice Rosso con l’accompagnamento della vittima presso il locale Ospedale Cannizzaro e con indicazione del P.M. di turno e l’ausilio del personale dell’U.P.G.S.P., si procedeva, stante la quasi flagranza, alla ricerca e successiva cattura dell’uomo che si trovava ospite nell’abitazione della sorella.

Il C.S. alla vista del personale operante tentava di disfarsi di circa 0,75 gr. di cocaina, quantità residua della dose che aveva appena consumato e, in palese stato di agitazione, ammetteva di essere una assuntore di sostanze stupefacenti e pertanto, dopo aver proceduto al sequestro amministrativo della sostanza, oltre ad esserearrestato per quanto accaduto, veniva segnalato all’Autorità Amministrativa ai sensi dell’art. 75 DPR 309/90 quale assuntore.

A conclusione delle attività immediatamente avviate e sempre su disposizione dell’Autorità giudiziaria che coordinava l’attività, veniva associato nella locale Casa Circondariale Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*