Flag femminile, delusione per le Elephants Catania solo ottave in Champions Bowl

Si conclude l’esperienza internazionale delle Elephants Catania al Champions Bowl, con un ottavo posto che lascia l’amaro in bocca.

Un weekend molto combattuto, iniziato benissimo, venerdì 18 ottobre, con una vittoria 35 a 26 contro le austriache Vienna Constables, ma continuato con due sconfitte contro le inglesi Hyde Park Renegades e le austriache De La Salle Saints con punteggi rispettivamente di 28 a 27 e 39 a 33.

Sabato 20 l’ultima partita del girone finisce con una grande vittoria contro le fortissime inglesi Coventry Cougars, vincitrici poi del campionato, per 25 a 20. Grazie al combattutissimo match le siciliane riescono a qualificarsi per la seconda fase del torneo nella quale si affrontano le prime 3 classificate di ognuno dei due gironi.

I troppi errori commessi dalle etnee comportano tre sconfitte, con i punteggi  di 20 a 13 contro le austriache Klosterneuburg Indians, 30 a 26 contro le francesi Redlips Asniéres-sur-Seine, e 20 a 18 contro le campionesse italiane in carica Parma Panthers in un game in cui le elefantine, nonostante una grande rimonta, non riescono ad avere la meglio perdendo di soli 2 punti. Tutte partite perse costringono le ragazze etnee, anche a causa di un cambio organizzativo dell’ultimo minuto, a giocare una finale settimo/ottavo posto contro le Vienna Constables. Anche in questa gara, disputata domenica 21, le pink non riescono ad avere la meglio perdendo 22 a 21 agli over time in una partita al cardiopalma, classificandosi ottave in classifica generale.

Un piazzamento che lascia insoddisfatti, per le partite perse di misura, per gli episodi sfortunati, per i piccoli errori che a certi livelli si pagano tutti, ma soprattutto per un’organizzazione inaspettata, per una competizione internazionale di questo livello, che ha causato non poche lamentele da parte di tutti i team partecipanti, non soddisfatti del cambio di programma a torneo in corso .

Giuseppe Strano (Head Coach Elephants Catania Flag femminile):

“Sono sincero, avevamo altre aspettative, avevamo un personale molto forte ma il non esserci mai allenate insieme lo abbiamo pagato parecchio, forse troppo. Chiudiamo con un ottavo posto che ci prendiamo, però sappiamo che è mancato veramente poco per arrivare in alto, le partite perse solo con piccolissimi scarti e vittorie con squadre di altissimo livello, Vienna Constables e Coventry Cougars, neo campionesse d’Europa. Ringrazio le ragazze per aver dato battaglia in tutte le partite.
Ricarichiamo le batterie per riprendere una nuova stagione e ritornare in alto.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*