“Le Mille Bolle Blu” al Must – Musco Teatro di Catania il 9 e 10 novembre per la Rassegna di “Palco Off”

A fine novembre saranno undici anni dal debutto (al Teatro Montevergini di Palermo nel 2008) de «Le mille bolle blu», il monologo scritto da Salvatore Rizzo ed interpretato e diretto da Filippo Luna che da allora non ha mancato una stagione portando a casa ogni volta un piccolo bottino di repliche (in Sicilia e altre regioni d’Italia, dalla Lombardia al Veneto, all’Umbria). Lo spettacolo – che nel 2010 è valso a Filippo Luna il premio dell’Associazione Nazionale Critici Teatrali per l’interpretazione – torna adesso a Catania (dove è stato proposto nel gennaio 2010 a Scenario Pubblico per il cartellone del Teatro Stabile etneo) sul palcoscenico del Must – Musco Teatro (via Umberto 312) sabato 9 e domenica 10 novembre per la rassegna di «Palco Off». 

Tratto dall’omonimo racconto dello stesso autore, pubblicato in «Muore lentamente chi evita una passione – Diverse storie diverse» (Pietro Vittorietti Editore), «Le mille bolle blu» è la storia di Nardino ed Emanuele, barbiere di borgata il primo, avvocato della buona borghesia il secondo, e del loro amore che nasce nella Palermo degli anni Sessanta e scorre clandestino lungo trent’anni, parallelo ad una vita “ufficiale” di mariti e padri di famiglia. Fino alla morte di Emanuele che spinge Nardino a rievocare con nostalgia struggente – sull’eco di alcuni brani musicali di quei decenni – l’amore, la passione, la gelosia, i timori di quel rapporto e a gridare la sua rabbia per un dolore al quale non può dare sfogo come vorrebbe.

Per info e prenotazioni    prenotazioni@palcooff.it   telefono 342 5572121

Biglietti                               € 20 intero / 15 ridotto / 5 operatori (per i docenti bonuscultura)

                                             acquisto anche on line www.palcooff.it

Spettacoli                           Sabato 9 novembre                 ore 21

                                             Domenica 10 novembre         ore  18

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*