Arrestati dagli agenti delle Volanti in via Vincenzo Giuffrida due lavavetri nigeriani violenti

Lavavetri ai semafori

Nell’ambito dei servizi di prevenzione e di controllo del territorio, con particolare attenzione al fenomeno della presenza dei lavavetri, spesso invadenti nei confronti degli automobilisti, nella serata del 7 Dicembre, agenti della Volanti intervenivano all’incrocio di via Vincenzo Giuffrida e via Raffaello Sanzio, procedendo all’arresto di Tony Ehi (classe 98) e di Arnold Ehimen (classe 99), entrambi di nazionalità Nigeriana, per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale; peraltro, il primo annovera precedenti penali per spaccio di stupefacenti.

Intorno alle ore 21,40, il personale di una Volante, che incrociava nella zona dove maggiormente vengono segnalati i lavavetri, veniva avvisato da alcuni automobilisti della presenza di cittadini extracomunitari che, con fare aggressivo, importunavano gli automobilisti fermi al semaforo posto all’intersezione delle due vie. Gli agenti, quindi, intervenivano, procedendo ad effettuare un controllo dei due soggetti; questi, però, si opponevano violentemente, spintonandoli ed insultandoli, dandosi, successivamente, alla fuga.

Polizia

Prontamente rincorsi dai poliziotti, uno dei due veniva rintracciato in via Sassari, mentre cercava di nascondersi fra le auto in sosta ma, mentre gli operatori stavano per procedere al suo controllo, venivano aggrediti alle spalle dall’altro soggetto che si trovava poco distante.

Ne nasceva una colluttazione con i due extracomunitari che venivano bloccati con l’ausilio di personale di altre Volanti, nel frattempo intervenute sul posto. Due degli agenti intervenuti riportavano , nella colluttazione, contusioni refertate al Pronto Soccorso. I due nigeriani, dopo essere stati condotti in Questura dove perseveravano nei loro atteggiamenti aggressivi, venivano arrestati e associati, per disposizioni del PM di turno, presso la casa circondariale di Piazza Lanza, in attesa di convalida davanti al GIP.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*