Grazie all’applicazione Youpol arrestato dagli agenti delle Volanti pericoloso rapinatore

Polizia in azione

La segnalazione giunta sull’applicazione YOUPOL nella serata di ieri parlava, in realtà di un possibile spacciatore, ma l’uomo che i poliziotti delle Volanti hanno individuato in piazza Verga – grazie anche alle preziose descrizioni contenute nella segnalazione – altri non era che Georgi Ivanov, nato in Bulgaria nel 1980, un rapinatore già definitivamente condannato alla reclusione di un anno e otto mesi, che si era reso irreperibile ed era, quindi, attivamente ricercato.

L’arrestato aveva messo a segno il colpo in un supermercato di Castelnuovo del Garda, in provincia di Verona, nel 2017. Catturato e processato, superati tutti i gradi di giudizio, la pena della reclusione di un anno e otto mesi divenne definitiva, grazie a un provvedimento di esecuzione emesso il 12 dicembre scorso dalla Procura della Repubblica presso la Corte di Appello di Venezia. I poliziotti lo hanno prelevato e, esperiti gli accertamenti del caso, condotto in Questura da dove, su disposizione del P.M. di turno, è stato tradotto presso il carcere Piazza lanza, per rimanervi recluso.

Grazie anche all’utilizzo dell’applicazione Youpol, quindi, è stato possibile assicurare alla giustizia un criminale il quale, altrimenti, avrebbe potuto tornare a nuocere: ricordiamo che l’applicazione Youpol, del tutto gratuita e disponibile per device Android e iOS, permette di segnalare alla Polizia di Stato – anche in forma anonima – ogni situazione sospetta, con speciale riferimento a episodi di bullismo o di spaccio di stupefacenti.

Nella Sala operativa della Questura di Catania, che è stata una delle prime in Italia ad adottare e rendere operativo questo sistema di segnalazione, è attiva una postazione Youpol presidiata 24 ore al giorno: attraverso questa, il cittadino può inviare testi, fotografie e persino filmati; i poliziotti possono anche interloquire con l’interlocutore (che, ripetiamo, può anche rimanere anonimo) per richiedere ulteriori particolari o precisazioni.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*