Serie C, prima vittoria del Catania nel 2020, battuto 3-1 al “Massimino” l’Avellino

Catania-Avellino: 3-1

E’ arrivata finalmente oggi pomeriggio al “Massimino” la prima vittoria del 2020 per il Catania di Cristiano Lucarelli. I rossazzurri, impegnati nel recupero della prima giornata di ritorno con l’Avellino di Ezio Capuano, si sono imposti per 3-1 grazie alle reti di Curiale e Sarno (2). Certo non è stata una partita facile per i padroni di casa che così come col Potenza sono partiti in svantaggio ma hanno recuperato prima della chiusura della prima frazione di gara e poi, grazie ad un rigore, alla superiorità numerica e ad una azione allo scadere, hanno ribaltato il risultato battendo così gli irpini per 3-1 in un “Massimino” ancora privo della sua calda ed importante tifoseria sugli spalti.

Rossazzurri manovrieri e determinati in avvio di match e prima occasione al 9’ con Curiale, ben servito da Calapai, che ha trovato pronto il portiere Tonti che ha deviato in angolo. Al 27’ ha risposto l’Avellino con un diagonale di Di Paoloantonio che ha sfiorato la rete. Al 32’ Catania ancora pericoloso con un colpo di testa di Mbende deviato in angolo e poi Curcio abile ad indirizzare il pallone in rete ma la conclusione è stata ben controllata da Tonti. Avellino a sorpresa in vantaggio al 41‘: Zullo dopo una corta respinta di Furlan insaccava a porta vuota.  Passava qualche minuto ed al 45′ rossazzurri in rete con Curiale che su assist di Biondi, da vero centravanti, batteva il portiere avversario. Primo tempo chiuso sull’1-1.

Nella ripresa nel Catania subentravano Barisic, Sarno, Mazzarani, Esposito e Vicente ma era l’Avellino ad essere più insidioso nel primo quarto d’ora con Izzillo al 49’, Di Paoloantonio al 57’ e Micovschi al 61’. Gli innesti di Lucarelli non sortivano particolari effetti ed il Catania soffriva fino alle due occasioni con Sarno su punizione e Silvestri che impegnava Tonti sugli sviluppi di un calcio d’angolo. A 10′ dalla fine l’episodio che cambiava la partita: trattenuta di Morero su Esposito e l’arbitro Paterna concedeva il rigore che Sarno all’83′ trasformava con freddezza tra le proteste degli avversari. Etnei così in vantaggio e Avellino in dieci uomini per l’espulsione di Parisi durante le fasi concitate dell’assegnazione del rigore. Nel concitato finale e nei 4′ di recupero, al 93‘ lo stesso Sarno, a porta vuota, realizzava il 3-1 e la doppietta personale che chiudeva la gara. Per il Catania i primi tre punti del 2020 e domenica prossima trasferta in casa della Viterbese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*