Emergenza Ccovid-19, a Catania nessun dispositivo di protezione individuale adeguato per i Vigili del Fuoco. Massimo Parisi (UILPA VVF): “tutela per tutti gli operatori del soccorso”

“I Vigili del Fuoco in servizio presso il Comando provinciale di Catania stanno fronteggiando l’emergenza sanitaria del Coronavirus senza gli adeguati dispositivi di protezione individuale”: a denunciarlo, in una nota, è il segretario provinciale UILPA-VVF Massimo Parisi.

“Quanto sta accadendo in queste ore agli operatori sanitari e del soccorso, in generale – afferma l’esponente sindacale – ha dell’incredibile : la distribuzione delle mascherine che dovrebbero tutelare da possibili contagi da parte della Protezione Civile regionale  è del tutto inefficace, poiché i prodotti a disposizione sono poco più di una striscia di carta e non hanno alcuna valenza protettiva”.
“I colleghi del Comando provinciale – si legge nella nota – come tutti i Vigili del Fuoco in servizio in ogni parte d’Italia, hanno servito il Paese sin dalle prime manifestazioni del contagio, portando aiuto a coloro che ne hanno bisogno, anche in assenza degli idonei dispositivi di sicurezza individuale: abbiamo dovuto sopperire alla disattenzione di un’ Amministrazione che si è manifestata assai lontana dai propri dipendenti , attenta e precisa solo a tutelare i propri interessi”.
Come rivela Parisi, il personale è stato spesso costretto ad acquistare a proprie spese mascherine di fortuna, dai costi talvolta esosi, pur di sopperire alle mancanze dell’Amministrazione.
 “Anche noi, come tutti gli operatori del soccorso, abbiamo famiglie da tutelare da eventuali rischi di contagio – afferma il segretario –  e riteniamo che tutte le professionalità debbano essere tutelate, a partire da medici e infermieri, per fronteggiare un’emergenza che potrebbe avere risvolti ancora più tragici di quelli già registrati”.

“Abbiamo appreso – conclude – che anche il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha criticato aspramente la scelta della Protezione Civile e, dal canto nostro, ribadiamo che non si può andare in guerra con le fionde”.

La UILPA – VVF ha chiesto inoltre all’Amministrazione un tampone preventivo per tutti i colleghi in servizio presso il Comando di Catania, in considerazione di un caso di COVID 19 verificatosi presso il Distaccamento “Aeroporto”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*