Agenti della Polizia salvano un giovane che stava annegando a largo del porticciolo di San Giovanni Li Cuti, applausi della gente

Il porticciolo di San Giovanni Li Cuti

Erano le 17.15, quando ieri, in una giornata di sole ma col mare agitato, una volante della Polizia di Stato in transito sul lungomare per vigilare la zona, notava una persona che annaspava in mezzo al mare e alcuni ragazzi che urlavano tentando di chiamarlo. Immediata l’azione degli agenti che avvisavano la Sala Operativa per l’invio dei soccorsi e della Guardia Costiera. Sul posto giungeva immediatamente anche il Funzionario dell’U.P.G.S.P. che insieme agli agenti delle volanti cercavano di trovare un modo per raggiungere il bagnante, e poi di andare velocemente verso il porticciolo di San Giovanni Li Cuti per trovare una imbarcazione e soccorrere il giovane che nel frattempo si vedeva allontanare a largo annaspando visibilmente. Un caporalmaggiore delle Esercito vedendo gli agenti impegnati nell’attività di soccorso offriva loro subito il proprio gommone per raggiungere il largo.

Il giovane salvato dalle onde

I poliziotti col Funzionario comprendendo la gravità della situazione cercavano repentinamente di arrivare al ragazzo che addirittura tra le onde talvolta veniva perso di vista. Sono stati minuti concitati e preziosi fino a quando riuscivano a giungere a lui e trarlo in salvo e rientrare a riva dove tra la gente, che nel frattempo si era raccolta incuriosita, partiva un applauso ai poliziotti per quanto appena fatto. Il giovane di appena 12 anni che si trovava lì insieme ad alcuni amici,  e che aveva pensato di poter sfidare le onde del mare è stato trasportato al Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera  Cannizzaro dove è stata riscontrata una notevole presenza d’acqua nel corpo, ma comunque si è ripreso poco dopo, grazie alle cure dei sanitari del Pronto Soccorso. Nel frattempo veniva identificato per poter avvisare i genitori e affidarlo alla madre che non ha smesso di ringraziare gli angeli della Polizia che avevano appena evitato una tragedia.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*