Verso Sant’Agata, informare i cittadini dei luoghi dove transiteranno le candelore

Le candelore in giro per Catania

Pochi giorni di attesa ed i festeggiamenti agatini finalmente entreranno nel vivo. A precedere l’uscita del busto reliquiario della Patrona di Catania dalla Cattedrale ci saranno, come sempre, le candelore. I Cerei di Sant’Agata che con la loro tradizionale “annacata” e le orchestre al seguito attireranno migliaia di persone in ogni parte del capoluogo etneo.
Appuntamenti suggestivi, che oltre ad essere di grande folklore, rappresentano pure un grosso problema per la viabilità cittadina. Al passaggio delle Candelore le strade infatti vengono quasi completamente bloccate ed i vigili urbani al seguito dei cerei hanno il loro da fare per impedire al traffico di paralizzarsi. Un momento di grande partecipazione popolare che in alcune arterie, soprattutto se particolarmente strette come a Cibali o San Nullo, rischiano di creare forti momenti di tensione. Carreggiate chiuse e code chilometriche rappresentano più di un problema per i pendolari soprattutto nelle vie a grande flusso veicolare. Una questione che riguarda tutti i quartieri cittadini.

Erio Buceti, consigliere della municipalità di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo, chiede al Sindaco Bianco di creare in pochi giorni un tavolo tecnico con consigli circoscrizionali, forze dell’ordine, amministrazione e rappresentanti dei portatori di candelore per stabilire dettagliatamente i vari percorsi dei cerei ed i giorni in cui si svolgeranno. Questo permetterebbe di avvisare adeguatamente la cittadinanza con il duplice obiettivo di ridurre al minimo i disagi legati al traffico e permettere una partecipazione di devoti e semplici curiosi maggiore visto che saprebbero dove le candelore effettuano la tradizionale “annacata”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*