SOS selfie, la moda dell’autoscatto può rivelarsi davvero pericolosa

Axa Travel Assistance (PRNewsFoto/Axa Travel Assistance)

SOS selfie: una vera e propria moda che può rivelarsi pericolosa se non si da la giusta “priorità alla propria sicurezza personale”. L’avvertimento arriva da AXA Assistance, compagnia assicurativa, presente in 30 paesi e con 40.000 operatori. Un suggerimento prezioso dettato dall’allarmante aumento di infortuni e morti nel 2015, causato dall’uso improprio di selfies e selfie sticks da parte di persone, spesso turisti e giovani, durante escursioni o alla guida di veicoli.

Esortazione, quella di AXA Assistance, in sintonia con i dati e le cifre presenti nel bollettino degli infortuni da selfies e selfie sticks pubblicato su Wikipedia. Solo nel 2015 le vittime di incidenti legati ai selfie sono state 12, ricorda il blogger statunitense Mashable, il quale aggiunge che le morti per selfie superano di gran lunga le vittime causate dagli attacchi di squali (che sono state 8).

Tra le ultime tragedie del 2015 dovuto all’uso improprio di selfie, c’è quella dell’ottobre scorso in una stazione di Barcellona, dove un quindicenne è morto per una scossa elettrica alla testa, dopo essersi scattato per gioco un selfie sul tetto di un treno merci; altra sventura: un turista giapponese è precipitato mentre cercava di scattarsi un selfie  in cima al tempio indiano Taj Mahal; un clic fatale è costato la vita a un cittadino spagnolo, morto incornato tentando di ritrarsi in un selfie con i tori; infine la morte di due turisti russi, rimasti uccisi sui Monti Urali per fotografarsi con una granata.

Rischiare la vita per qualche “like” in più sui social network sta diventando un fenomeno preoccupante. Ma quali sono le precauzioni da prendere per combattere l’ansia di postare ogni momento della propria vita?

All’estero, in Russia, il ministero degli Interni ha diffuso una brochure che mette in guardia dagli usi impropri e dalle ossessioni da selfie sticks. Nella guida si ritrovano avvisi del tipo: “Non scattate selfie se non siete in una posizione di sicurezza” o “Non scattare selfie in luoghi pericolosi” fino al “non fare selfie con armi cariche”. Avvisi che potrebbero far anche sorridere se non fossero dettati da assurdi episodi che hanno prodotto incidenti anche mortali

Naturalmente nessuno chiede la fine dei selfies ma solo di prestare maggiore attenzione quando ci si diverte in viaggio, o in ogni altra occasione che riteniamo di voler immortalare con un “autoscatto”.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*