All’Empire di Catania il 6 Febbraio si festeggia il Carnevale rievocando le “epoche” del Tango Argentino

Nella foto di MicMac un momento dell'edizione 2015

Domenica 6 febbraio, dalle 20.30, l’Empire di Catania festeggia il Carnevale in chiave tutta originale grazie a Caminito tango. La location di via Zolfatai 12 darà vita ad un esclusivo party, rievocando le “epoche” del Tango Argentino, tema della serata. L’associazione catanese CaminitoTango, con il supporto dell’Academia ProjectoTango, presenta la sesta edizione di una Milonga d’eccezione. I partecipanti potranno scegliere tra le seguenti epoche: guardia vieja (1880/1912), guardia nueva (1912/1930), epoca de oro (anni Quaranta) e dagli anni Cinquanta agli anni Novanta: il tango che conquista il mondo!

“In quanto associazione culturale – dice Elena Alberti, Presidente di CaminitoTango – è nostro dovere ‘strizzare l’occhio’ al contesto storico in cui è cresciuta, si è sviluppata e infine ha conquistato il mondo, l’arte tanghera. Ci piace diffondere, non solo la pratica ‘ballata’ del tango, ma anche quella parte sociale che meglio ci fa apprezzare la profonda tradizione del tango”.

E quale miglior occasione del Carnevale – continua Angelo Grasso, Maestro e Direttore artistico di Caminito – per divertirsi e al tempo stesso approfondire la cultura tanghera. Per ricreare questo tuffo nel passato abbiamo invitato, pertanto, coloro che interverranno all’evento, ad indossare un abito a tema; il resto sarà ottimo tango, immerso in una scenografia fortemente evocativa. “.

Le selezioni musicali saranno come di consueto curate da Pietro Cosimano, l’eclettico Dj resident che anima ogni domenica la pista dell’EMPIRE.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*