Fermati dalla Polizia a Catania tre giovanissimi bulli autori di una aggressione alla Villa Bellini

Bulli in azione

In considerazione delle Festività agatine e del Carnevale il Questore di Catania Marcello Cardona ha intensificato i controlli specie nel Centro storico dove le volanti e le pattuglie dei commissariati presidiano costantemente pronte ad intervenire in caso di necessità. E cosi è accaduto nella tarda mattinata del 3 Febbraio, quando gli agenti della Polizia di Stato di Catania, in servizio di volante del Commissariato Centrale, sono intervenuti alla villa Bellini dove poco prima era stata segnalata un’aggressione ai danni di un ragazzo di 14 anni.

I poliziotti, immediatamente giunti sul posto hanno appurato che il giovane, poco prima ed immotivatamente era stato aggredito da un gruppo di giovinastri che lo avevano percosso più volte causandogli lesioni guaribili in 7 giorni successivamente medicate al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi.

Le indagini tempestivamente avviate hanno consentito di fermare tre giovanissimi del “branco”, due dei quali minori non imputabili ed uno di anni 15, responsabili dell’aggressione. Il movente del grave gesto, secondo quanto accertato, sarebbe riconducibile al fatto che, qualche giorno prima, la vittima si era resa responsabile di aver guardato “storto” uno dei fermati. Nel corso del sopralluogo operato all’interno del giardino, è stata altresì rinvenuta e sequestrata a carico di ignoti una ”mazzetta” di legno.

Il quindicenne è stato denunciato in stato di libertà per lesioni personali, mentre gli altri due minori non imputabili sono stati segnalati all’autorità giudiziaria minorile, significando che tutti, al termine delle formalità di rito, sono stati riaffidati ai genitori.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*