Judo campionato italiano master, terzo posto per i ragusani Occhipinti e Miciluzzo

Nella foto Occhipinti, Baglieri e Miciluzzo in gara a Tarcento

Al palasport di Tarcento, in provincia di Udine, si è svolta la prima tappa del campionato italiano master di judo: cin gara erano iscritti 132 atleti e 32 club provenienti da tutta Italia.

Dopo i risultati importanti ottenuti la scorsa stagione, la scuola Basaki di Ragusa ha migliorato la preparazione per cercare di confermare le straordinarie performance che avevano consentito agli atleti iblei di raggiungere traguardi mai tagliati in precedenza. A Tarcento, in rappresentanza della Basaki, sono stati Danilo Occhipinti, categoria M4, 73 kg, e Salvatore Miciluzzo, categoria M2, 74 kg.

“La nuova stagione agonistica – afferma il maestro Salvo Baglieri – è iniziata sotto i migliori auspici per i nostri ragazzi che continuano a mettere in evidenza una grande crescita. Hanno disputato un’ottima gara sebbene la stessa sia risultata difficile per tutta una serie di motivazioni, non ultimo il grande valore degli avversari”. Occhipinti e Miciluzzo, infatti, hanno tenuto testa ai più bravi atleti italiani piazzandosi entrambi al terzo posto nelle rispettive categorie, conquistando dei punti importanti per il campionato italiano.

La seconda tappa è in programma a Genova nelle prossime settimane. “Per la nostra città – afferma ancora Baglieri – è un bel traguardo potere contare sulla presenza di due ragusani a questi livelli, ragusani che portano avanti il nome della città in Italia e, almeno speriamo, anche nella prossima partecipazione ai mondiali”.

Per ulteriori informazioni www.basaki.it

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*