Al “Coppola” di Catania il 27 e 28 Febbraio in scena “Di Concetta e le sue Donne”, tratto dall’omonimo romanzo di Maria Attanasio

Una scena dello spettacolo

Sabato 27 e domenica 28 Febbraio, alle ore 21:00, in scena a Catania al Teatro Coppola – Teatro dei Cittadini (Via del Vecchio Bastione 9) lo spettacolo “Di Concetta e le sue Donne”, tratto dall’omonimo romanzo di Maria Attanasio, edito dalla Sellerio Editore. In scena Rita Salonia, attrice di teatro e cinema, nonché doppiatrice e la musicista polistrumentista Nicoletta Fiorina, studiosa di canti popolari e musica tradizionale siciliana. L’adattamento e la regia sono di Nicoleugenia Prezzavento che cura, assieme a Fabio Navarra, la direzione artistica di Nave Argo sin dalla sua fondazione.

Racconto di passioni pubbliche e private, di memoria personale e collettiva che attraversa la Storia del secondo ‘900 restituendola attraverso la cifra del vissuto e delle emozioni individuali, “Di Concetta e le sue donne” porta in scena la storia vera di Concetta La Ferla, indomita e appassionata militante comunista: della sua lotta per l’emancipazione delle donne siciliane e per la costituzione della prima sezione femminile del PCI in Italia; delle sue passioni; del suo sogno mai sopito di giustizia e libertà; del binomio irriducibile tra la politica della necessità e quella dell’apparenza.

La locandina dello spettacolo
La locandina dello spettacolo

Uno spettacolo in cui la musica si fa voce poetica, respiro e spinta vitale della narrazione: un contrappunto di “voci sole” e autentiche che orgogliosamente consegnano, al presente e al futuro, il proprio perentorio “NO” all’ingiustizia sociale, al sessismo e alla politica dei salotti – televisivi e non.

L’ingresso è libero, con sottoscrizione volontaria.

Per informazioni: Nave Argo, nargo@tiscali.it ; Teatro Coppola, info@teatrocoppola.it

 

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*