Aggredita, sequestrata e derubata dottoressa della Guardia medica di Nicolosi

Momenti di panico, fra lunedì e martedì, alla Guardia medica di Nicolosi, in provincia di Catania. Due giovinastri  sono entrati infatti nella guardia medica gridando al medico di turno “Dacci i soldi”. La dottoressa terrorizzata ha infilato una mano in tasca e gli ha consegnato le 20 euroche aveva ma i due delinquenti non si sono accontentati e  la dottoressa è stata costretta a mettere in moto la propria macchina, dietro minaccia dei rapinatori e fermarsi al primo sportello bancomat disponibile per un prelievo.

Dopo aver intascato il denaro i malviventi hanno lasciato il medico davanti alla banca e sono scappati ma una volta allertati i Carabinieri questi sono riusciti ad individuarli e arrestarli: si tratta di un 36enne di Nicolosi e un 34enne di Belpasso.

Numerose le proteste per l’aggressione, infatti la guardia medica di Nicolosi si trova al Poliambulatorio, in una zona  isolata e secondo quanto denunciato non è mai stata provvista delle dotazioni di sicurezza previste contrattualmente per i presidi di continuità assistenziale della regione. Da tempo sono continue le segnalazioni e le richieste di aiuto lanciate dai medici e spesso ignorate.

Intanto per domani sera 25 Febbraio, come comunica l’Amministrazione comunale di Nicolosi. è stata convocata una seduta straordinaria ed urgente del Consiglio comunale, alle ore 20 nell’aula consiliare “Unità d’Italia”, con due punti all’ordine del giorno: 1) aggressione alla dottoressa della Guardia medica di Nicolosi il 23 Febbraio – solidarietà; 2) sicurezza e ordine pubblico a Nicolosi – discussione.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*