Al “Roots” di Catania il 27 e 28 Febbraio in Scena “La Terra di li Rosi” di e con Antonella Caldarella

Nella foto Antonella Caldarella in "La Terra di li Rosi"

Sabato 27 Febbraio alle ore 20,45 (con replica domenica 28 alle 18,15) al “Roots” di Catania, in via Borrello, 73, andrà in scena lo spettacolo teatrale in lingua siciliana dal titolo “La Terra di li Rosi” di e con Antonella Caldarella.

Lo spettacolo – adatto ad un pubblico adulto – è il secondo appuntamento della stagione teatrale per adulti “UNDERGROUND RIVERS – Flussi teatrali nel sottosuolo cittadino” ed è presentato dalla Compagnia Teatro Argentum Potabile. Le musiche originali dal vivo sono di Steve Cable.

Ecco una nota di regia sullo spettacolo: “La Terra di li Rosi” debutta nel 2005 dopo una ricerca di Antonella Caldarella sulla Storia della Sicilia, spinta da esigenze sia personali sia artistiche ad approfondire e rafforzare le proprie radici. Così nasce questo spettacolo di narrazione teatrale in siciliano in cui in un atto unico, tutto d’un fiato, come si suol dire.
Antonella racconta storie vere dell’affascinante passato della Sicilia, scegliendo periodi storici critici per L’isola e con verve, ritmo e passione facendo vivere allo spettatore le atmosfere e i sentimenti di allora, il tutto per finire in crescendo con un appassionatissimo monologo finale in cui si immagina un futuro dove lamenti e atteggiamenti fatalistici lasciano il posto ad un agire orgoglioso e consapevole.

Cuntu… Teatro Civile…Teatro di Narrazione… chiamatelo come volete, “La Terra di li Rosi” è questo e altro, un piccolo gioiello teatrale, un grido di rabbia, un canto d’Amore verso questa profumata e spinosa Terra”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*