Ripulito dalle sterpaglie il campo di via Filippo Eredia

Il presidente Serrano al campo di via Eredia

L’appello degli utenti e degli sportivi per recuperare il campo di calcio di via Eredia a Nesima è stato raccolto dall’amministrazione comunale che, con impiego di uomini e mezzi, ha eliminato la giungla di sterpaglie che invadevano un’ampia parte del rettangolo di gioco.

Questo intervento per l’intera municipalità di “Monte Po-Nesima-Rapisardi-San Leone” rappresenta un importante segnale di vicinanza delle istituzioni alle realtà del nostro territorio. “Come presidente della V circoscrizione – spiega Orazio Serrano – nei giorni scorsi ho effettuato un sopralluogo, su segnalazione della commissione municipale allo Sport, per rendermi conto della gravità del problema. Il rischio che le società non potessero più disputare le partite è stato quindi scongiurato. Un segnale importante e per questo voglio personalmente ringraziare l’assessore Valentina Scialfa, il presidente della Multiservizi Michele Giorgianni e il coordinatore delle squadre di operai intervenuti Rosario Pantellaro”.

“Tutto il nostro territorio – conclude Serrano -ha bisogno di essere monitorato e controllato e con le risorse a nostra disposizione stiamo facendo tutto il possibile per rispondere alle richieste della gente e verificare le condizioni di impianti sportivi, parchi e piazze. L’obiettivo prioritario della circoscrizione, sin da primo momento del mio insediamento, è dare decoro e vivibilità alla municipalità. I risultati finora ottenuti (apertura del centro polifunzionale e inaugurazione di parco Fenoglietti) mi stanno dando ragione ma la strada è ancora lunga e noi non ci tiriamo indietro”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*