Gli studenti del Nautico “Duca degli Abruzzi” di Catania hanno incontrato il velista Matteo Miceli

Nella foto Miceli con studenti e professori del Nautico di Catania

Un dialogo e un confronto che ha saputo incuriosire e allo stesso tempo appassionare. La presenza del velista Matteo Miceli all’istituto statale di istruzione superiore “Duca degli Abruzzi” del Viale Artale Alagona 99, a Catania è stata il trampolino di lancio per avvicinare ulteriormente gli studenti, presenti all’evento, al mondo del mare. Un incontro, fatto di botta e risposta, dove lo sportivo romano, detentore di due record di traversata atlantica in barca a vela, ha presentato le nuove imprese sottolineando che “anche se in mare sono solo, dietro di me c’è un grande team che mi segue passo dopo passo. Oggi è bello vedere tanti ragazzi appassionati di questo mondo. Un ambiente dove, tante volte, le poche risorse a disposizione vengono sopperite dal grande entusiasmo”.

“Perseveranza e costanza, con tanto rispetto per il mare, sono le condizioni indispensabili per i futuri comandanti del domani– ha sottolineato la prof. Elisabetta Giustolisi- formare lo studente attraverso un piano sociale e didattico è importante perché va oltre le quattro pareti di una classe”.

“La “mission” che si prefigge l’Istituto nautico è ben chiara– dicono i professori Giuseppe Cavalli e Ignazio Di Raimondo, collaboratori della dirigente Brigida Morsellino- con le nostre attrezzature avviciniamo centinaia di ragazzi a quella che, a tutti gli effetti, rappresenta una scelta di vita. Farli entrare in un mondo dove la passione e la perseveranza sono indispensabili per raggiungere i propri obiettivi”.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*