Contrasto agli stupefacenti, a Catania Polizia in azione, catturati 4 spacciatori

Volanti

Nell’ambito di controlli straordinari del territorio disposti dal Questore di Catania  Marcello Cardona, finalizzati al controllo del territorio, al fine di contrastare efficacemente lo  spaccio di sostanze stupefacenti, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico anche con l’ausilio di unità cinofile dipendenti dallo stesso ufficio ha arrestato diverse persone e sequestrati significativi quantitativi di droga, in distinte operazioni attuate tra ieri e stanotte.

Intorno alle ore 21.35 di ieri, agenti di una pattuglia transitando per via Cotone, nel cuore del rione San Cristoforo, notavano una giovane viaggiante a bordo di motociclo che accortasi della volante si disfaceva di un involucro in plastica. La giovane scooterista veniva subito raggiunta, bloccata ed identificata per l’incensurata Vanessa Pittarà (classe 1987). Veniva poi immediatamente recuperata la busta, che risultava contenere 24 dosi di marijuana e 14 di cocaina, rispettivamente del peso complessivo di grammi 30 circa e 3 circa. Addosso alla ragazza venivano invece rinvenuti euro 120,00, ritenuti il provento dell’attività di spaccio svolta in forma itinerante fino a quel momento. La Pittarà è stata pertanto dichiarata in stato di arresto e su, disposizione del P.M. di turno, sottoposta agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.

Nella serata di ieri, intorno alle ore 23:45, agenti di una pattuglia sorprendevano in via Capo Passero, nel rione Trappeto Nord, tre individui all’atto di cedere della droga ad un tossicodipendente. Accortosi delle pattuglie, l’acquirente si dileguava a tutto gas con l’auto su cui era a bordo, mentre i tre spacciatori fuggivano in direzioni diverse per le campagne circostanti, inseguiti dagli agenti scesi immediatamente dall’auto di servizio e postisi al loro inseguimento. Due di essi venivano raggiunti, bloccati ed identificati per Salvatore Musumeci (classe 1966) con precedenti specifici e Dario Bellia (classe 1994) pregiudicato per reati contro il patrimonio. Veniva altresì recuperato uno zainetto che uno di essi portava sulle spalle e di cui si era disfatto durante la fuga, che risultava contenere 74 dosi di marijuana, poi quantificate nel peso complessivo di grammi 90 circa. Pertanto, Musumeci e Bellia sono stati dichiarati in arresto e, su disposizione del PM. di turno, sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.

Appena trascorsa la mezzanotte, agenti di una pattuglia sorprendevano in piazza Giovanni XXIII un individuo, identificato per Francesco Anfuso (classe 1970), pregiudicato, insieme ad un capannello di persone. Gli agenti ritenevano opportuno approfondire il controllo  fino ad effettuare una perquisizione nella sua abitazione ubicata nel rione San Cristoforo. Sopra il comodino della stanza da letto venivano rinvenute 6 dosi di cocaina, del peso di un grammo e mezzo circa, e materiale vado per il confezionamento. Una pietra di cocaina del peso di 16 grammi veniva invece rinvenuta nella cassetta da lettere dell’Anfuso. Lo stesso veniva pertanto arrestato e, su disposizione del P.M. di turno, sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio per direttissima.

Nel corso della notte, intorno alle ore 3:00, agenti di una pattuglia, nel corso di una perlustrazione eseguita con l’ausilio di unità cinofile presso i garage sottostanti i condomini in viale Castagnola, in un buco ricavato tra le masserizie e le tubazioni fognarie sottostanti una palazzina, grazie al fiuto del cane antidroga venivano rinvenute 92 dosi di marijuana e 5 di cocaina, rispettivamente del peso complessivo di grammi 100 circa ed uno circa.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*