L’on. Berretta (PD) oggi in visita al carcere di piazza Lanza: “Negli ultimi anni numero dei detenuti dimezzato, struttura trasformata e spazi adeguati”

Casa Circondariale Piazza Lanza a Catania
“Sono stati fatti grossi passi avanti nel carcere di piazza Lanza e questo non può che renderci soddisfatti: il numero dei detenuti si è praticamente dimezzato rispetto ad alcuni anni fa e la trasformazione della struttura è stata notevole, con la ristrutturazione di tante sezioni e spazi che consentono ai detenuti di vivere in condizioni sicuramente migliori”.
Lo ha affermato il deputato nazionale del Partito Democratico, Giuseppe Berretta, che questa mattina ha visitato la casa circondariale di piazza Lanza. Il deputato etneo ha visitato i reparti della struttura di detenzione e ha parlato con il direttore del carcere, Elisabetta Zito, alla quale ha rivolto un plauso “per le tante attività condotte per migliorare le condizioni di vita all’interno della struttura carceraria”.
“L’impegno della direzione del carcere di piazza Lanza è tangibile e va nella direzione giusta – afferma Berretta – Negli ultimi anni ci siamo impegnati molto per trasformare questa struttura, con finanziamenti specifici volti a rinnovarla, e per ridurre il sovraffollamento nelle carceri italiane: la prova della buona riuscita di queste misure è il numero di detenuti a piazza Lanza. Il tasso di affollamento infatti è notevolmente diminuito e rispetto ad alcuni anni fa, quando avevamo raggiunto punte di 600 detenuti, oggi se ne contano 323, di cui 23 sono le donne detenute nel reparto Etna, composto da 14 camere detentive interamente ristrutturate”. “In più, altri reparti e aree esterne saranno interessati da opere di ristrutturazione e manutenzione straordinaria e i detenuti hanno a disposizione anche un nuovo campo da calcio – sottolinea ancora il deputato etneo del PD – Permane solo un problema legato alla insufficienza di personale con una carenza di organico di Polizia Penitenziaria di circa 140 unità: una condizione che il governo e in particolare il Ministero della Giustizia sta affrontando, nonostante le tante difficoltà”.
di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*