Sequestrati dalla Guardia di Finanza di Catania 15 kg di hascisc, arrestato un responsabile

I panetti sequestrati

I finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno svolto un ennesimo importante servizio a contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, individuando e sequestrando, lo scorso 22 marzo, lungo la SS 385 (Lentini), 15 Kg di hashisc del tipo pakistano destinato allo spaccio. I militari del Nucleo di Polizia Tributaria, nell’ambito delle costanti attività volte alla prevenzione e repressione del traffico di droga, hanno proceduto al controllo di una Lancia Lybra con a bordo un soggetto, notando, sin da subito, chiari segni di nervosismo da parte del conducente della stessa identificato in Daniele Stivala (classe 1987).

Nel corso dell’accurata ispezione effettuata all’interno dell’autovettura, venivano rinvenuti, occultati sapientemente all’interno delle intercapedini laterali del bagagliaio posteriore dell’automezzo nonché negli alloggiamenti delle casse acustiche degli sportelli posteriori e anteriore sinistro, 16 panetti di sostanza stupefacente del tipo hascisc per un totale di kg. 15. Daniele Stivala, sulla base di quanto ritrovato, è stato ristretto, così come da disposizione dell’Autorità Giudiziaria, nella Casa Circondariale di Siracusa – Cavadonna. La sostanza stupefacente sequestrata, verosimilmente destinato a rifornire le locali “piazze” di spaccio, avrebbe fruttato, al dettaglio, circa 150.000 euro.

Continuano così le attività delle Fiamme Gialle etnee a contrasto del traffico di sostanze stupefacenti che hanno già consentito, negli ultimi due mesi, di arrestare 13 trafficanti e sequestrare oltre 120 kg di sostanze stupefacenti di vario tipo.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*