Trasporti, Cgil e Filt: creare le condizioni perché l’aeroporto di Catania torni a essere tra le priorità dell’Ue

“L’aeroporto di Catania deve tornare a essere un obiettivo strategico per l’Ue e perché questo avvenga bisogna garantire il richiesto collegamento con la città attraverso ferrovia, le soluzioni tampone sono insufficienti”: lo hanno detto Ferruccio Donato e Franco Spanò, della Cgil e della Filt Sicilia nel corso di un’audizione nella commissione trasporti dell’Ars. Ieri da parte di Rfi, presente all’audizione, è venuta la notizia di 5 milioni disponibili per portare
il collegamento ferrato fino a meno un chilometro dalla città, condizione non sufficiente per l’Ue, secondo quanto ha confermato il rappresentante dell’assessorato ai trasporti presente.

Cgil e Filt hanno sollecitato l’apertura di un tavolo per la ricerca di tutti i finanziamenti possibili nell’ambito dei fondi della programmazione europea, per garantire l’intera opera. “Al contempo- hanno detto Donato e Spanò- l’aeroporto di Catania, il più grande della Sicilia, deve diventare una priorità anche al livello nazionale”. Nell’audizione trattato anche il tema del tram a Palermo, con Cgil e Filt che hanno sollecitato l’integrazione tra i due mezzi attraverso il biglietto unico.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*