Serie D maschile-play off, la Polisportiva Alfa Catania batte 79-59 il Balestrate nella prima finale per la promozione

Nella foto un canestro di Matteo Licciardello della Polisportiva Alfa

La Polisportiva Alfa di Catania supera, con merito ed autorità, la Lipari Consulting Balestrate. Il primo atto degli spareggi per la promozione nella serie C Silver, premia il quintetto catanese. In un “Leonardo Da Vinci” stracolmo di tifo e passione, gli alfisti battono gli avversari di coach Ferrara per 79-59. Successo importante, ma non ancora decisivo per il salto di categoria. Domenica prossima, ad Alcamo, è in programma gara 2. L’Alfa tiene, quindi, alta la concentrazione ed intende chiudere i conti in terra trapanese. Il match giocato a Catania è stato un concentrato di emozioni e spettacolo.

L’Alfa parte forte: nel primo parziale Gottini e White non sbagliano un colpo (27-21 il parziale). Nel secondo periodo, Balestrate si fa più intraprendente. Tagliareni e Calò permettono agli ospiti di andare all’intervallo lungo sotto di due punti (36-34). Al cambio di campo, l’Alfa cambia marcia con decisione. I trapanesi limitano White e Gottini, ma ecco sbucare Famà, Licciardello e Saccà, che trascinano la compagine catanese. Ottima anche la prestazione del giovane Arena. Il quintetto allenato da coach Davide Di Masi affonda i colpi. I tifosi esultano sugli spalti e le trombette risuonano nella palestra di via G.B. De La Salle. L’Alfa mantiene la testa in avanti e nell’ultimo parziale dilaga con veloci contropiedi. L’ultimo quarto di gioco si chiude con un eloquente +10. L’Alfa del presidente Nico Torrisi vince di 20 punti e adesso aspetta di completare l’opera domenica ad Alcamo.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*