Lega Pro, il Catania stasera nel posticipo affronta allo “Zaccheria” il Foggia di De Zerbi

Dopo la vittoria nel derby col Messina e la sosta pasquale stasera, alle ore 20.30, torna in campo il Catania di Francesco Moriero e nel posticipo della ventinovesima giornata del Girone C della Lega Pro, sfida al “Pino Zaccheria” il Foggia di De Zerbi. I rossazzurri, ringalluzziti dal successo colto nel derby contro il Messina in Puglia cercano il ‘colpo grosso’ per allontanarsi dalla zona play-out, mentre i padroni di casa con tre vittorie nelle ultime tre gare (una delle quali nella finale di Coppa Italia contro il Cittadella) con ben 11 reti segnate e 4 subite, vogliono centrare la vittoria per tenere il passo delle battistrada.

Ecco le ultime novità da entrambe le formazioni:

In casa Catania le assenze di Calil e Bombagi squalificati, di Parisi e Plasmati ancora acciaccati potrebbero portare mister Maniero a cambiare l’assetto tattico. Probabile uno speculare 4-3-3, con la conferma di Bastrini in difesa e l’inserimento di Calderini come prima punta. Gli etnei potrebbero scendere in campo con Liverani in porta; difesa con Garufo a destra, Bastrini e Bergamelli al centro, Nunzella sulla corsia mancina; in mediana terzetto con Di Cecco, Musacci e Castiglia; tridente offensivo con Russotto, Calderini (Lupoli) e Falcone.

Nel Foggia il tecnico Roberto De Zerbi dovrà fare a meno del cursore Angelo, squalificato per un turno, di De Giosa, Lanzaro e Viola. Il tecnico pugliese potrà disporre, però, di Agostinone. La squadra dovrebbe tornare al 4-3-3 con Narciso tra i pali; difesa con Gigliotti, Loiacono, Coletti e Agostinone; in mediana largo a Vacca, Agnelli e Gerbo; in attacco Sarno, Iemmello (capocannoniere del girone con 17 reti) e uno tra Floriano e Chiricò.

Ad arbitrare la gara sarà il signor Giua di Pisa.

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*