Lega Pro, un Catania muto in attacco battuto 3-0 a Foggia

Niente da fare per il Catania di Moriero allo “Zaccaria” di Foggia. I rossazzurri infatti, dopo un primo tempo ordinato, di sacrificio, in cui hanno incassato solo una rete, hanno poi ceduto completamente (nonostante gli innesti di Musacci, Garufo e Nunzella) nella ripresa, subendo due reti nel giro di 5′ e la velocità, la maggiore organizzazione, della squadra di De Zerbi che ha sfiorato quasi la goleada, sbagliando sul 3-0 almeno altre due facili reti.

La squadra di Moriero nella prima frazione schierata in maniera speculare ai padroni di casa, li ha ben controllati ed ha preso gol al 14′ quando Floriano è stato il più lesto a ribadire in rete la respinta della traversa sulla precisa conclusione a giro di Sarno. Ma a parte la velocità, le verticalizzazioni del Foggia che hanno messo in ambasce i rossazzurri, la squadra di Moriero non è esistita in avanti con Lupoli, Russotto e Calderini, mai protagonisti nell’area avversaria.

Dopo il primo tempo chiuso sull’1-o, nella ripresa Moriero è tornato al 4-3-3 inserendo subito Musacci per Lupoli e poi Garufo e Nunzella, ma la squadra etnea ha lasciato più spazio ad un Foggia davvero in palla che, dopo alcuni tentativi, ha centrato il raddoppio al 29′ con il cannoniere Iemmello con un destro che ha trovato l’angolino basso alla sinistra di Liverani, dopo una palla persa dai rossazzurri a centrocampo. Sono passati 5′ ed al 34′ il Foggia ha segnato ancora con Agnelli che ha battuto Liverani con un destro a pallonetto dalla distanza. Catania ormai disorientato e padroni di casa che hanno sfiorato ancora la rete con Sainz-Maza e con Iemmello.

La gara si è chiusa sul 3-0 per il Foggia, nulla di fatto e zero gioco per i rossazzurri che adesso domenica ospiteranno al “Massimino” il fanalino di coda Lupa Castelli Romani.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*