Lega Pro, il Catania vince 1-0 al “Massimino” con un modesto Melfi, in rete Russotto

Così come con la Lupa Castelli Romani, anche stavolta il Catania di Francesco Moriero con il minimo vantaggio è riuscito a vincere al “Massimino” la partita con un modestissimo Melfi. I rossazzurri, in vantaggio al 7’ del primo tempo, grazie ad un tiro pregevole di Russotto dal limite che si insaccava alle spalle del portiere ospite, hanno poi alternato qualche spunto pregevole, qualche azione pericolosa, ai soliti errori. L’undici di Ugolotti non ha per nulla impensierito il Catania che ha ben amministrato il vantaggio chiudendo la prima frazione con il il risicato 1-0.

La rete di Russotto.
La rete di Russotto

Nella ripresa etnei vicini al raddoppio al 7’ con Calderini che, servito da Russotto, sprecava calciando alto sulla traversa. Partita dai ritmi tutt’altro che veloci, con manovre delle due squadre sempre macchinose e con numerosi errori sia in fase difensiva che in fase di impostazione. Melfi volenteroso, ma che non riusciva quasi mai ad impensierire Liverani. Ospiti che al 32’ rimanevano in 10 per il cartellino rosso a Cason, reo di aver strattonato con veemenza Russotto. Maniero nella ripresa faceva subentrare Agazzi per Calderini, Plasmati per Di Cecco e nel finale Parisi per l’uomo-partita Russotto.

Prima del 90’ due occasioni per il Catania per arrotondare il punteggio, ma prima Calil (ancora una giornata incolore per il brasiliano) in area calciava addosso al portiere e poi Plasmati, servito da Nunzella, veniva bloccato dall’estremo difensore del Melfi. E nell’ultimo dei 2’ di recupero il Catania rischiava il pari beffa per un colpo di testa di Petta, con la difesa etnea piazzata male, ma fortunatamente il pallone finiva alto sulla traversa.

Risultato finale 1-0 per il Catania che conquistava così tre preziosi punti e che sabato sarà impegnato in trasferta con la Paganese per poi chiudere il 7 Maggio la regular season al “Massimino” con l’Andria. Vittoria risicata e prestazione altalenante, con molti errori, ma, ripetiamo, i tre punti oggi erano davvero fondamentali.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*