Consegnati ieri giocattoli ai reparti pediatrici del Policlinico di Catania con il progetto “L’Ospedale dei Pupazzi”

Policlinico di Catania (studenti Sims), ph. Gugliotta

Bambolotti in fasce da stringere al petto, macchinine hotwheels per spericolate acrobazie sui banchi della ludoteca, giochi di logica e abilità, puzzle con i personaggi preferiti dei cartoons. Decine e decine di giocattoli in dono ieri ai bambini ricoverati nei vari reparti del Policlinico di Catania nell’ambito dell’iniziativa di solidarietà promossa da Etnapolis insieme con Toys Bimbo Store e che, in questa prima fase, ha raccolto la proposta creativa dei giovani studenti universitari del SIMS, il segretariato italiano degli studenti di Medicina protagonisti il 7 maggio scorso, a Etnapolis, del progetto “L’Ospedale dei Pupazzi”.

 Policlinico di Catania, Sims, bambini (ph. Gugliotta)
Policlinico di Catania, Sims, bambini (ph. Gugliotta)

Ieri al Policlinico, alla presenza del popolare conduttore Salvo La Rosa – personaggio della tv amatissimo dalle famiglie e dai bambini che non hanno rinunciato a farsi la foto con lui – la consegna dei giocattoli ai piccoli ricoverati da parte di Etnapolis, rappresentata dal direttore Mosca e da Davide Orselli, responsabile del negozio Toys Bimbo Store.

Prima tappa nel reparto di Clinica Pediatrica, centro regionale di riferimento per la cura di rare malattie metaboliche e neurologiche. Ad accogliere Etnapolis erano Paolo Cantàro (direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Policlinico Vittorio Emanuele), Antonio Lazzara (direttore sanitario), Giampiero Bonaccorsi (direttore amministrativo) e il primario Agata Fiumara.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*